Il valore del tempo in famiglia: 2,10 euro per un’ora con i bambini |  ADESSO

Il valore del tempo in famiglia: 2,10 euro per un’ora con i bambini | ADESSO

Nei Paesi Bassi, molte giovani madri lavorano part-time e spesso guadagnano meno degli uomini. “Storicamente è aumentato in questo paese”, afferma il microeconomista Alex Theloudis dell’Università di Tilburg. Ma questo non è l’unico motivo del divario retributivo: il tempo trascorso con partner e figli spesso vale per le donne più della loro carriera.

In media, dormi circa otto ore al giorno, lavori otto ore e hai otto ore di tempo libero rimaste. Qui puoi allenarti, andare al cinema o bere qualcosa con gli amici. È ancora più complicato per le giovani famiglie, perché in queste otto ore “libere” anche i genitori stanno allevando i propri figli.

Di solito ci sono due opzioni qui: i genitori trascorrono alternativamente del tempo con i bambini o crescono il bambino in gran parte insieme. “Gran parte degli olandesi preferisce quest’ultima opzione”, afferma il microeconomista Theloudis. “Ma in pratica è abbastanza difficile, perché anche le persone devono lavorare”.

A causa di questa limitazione del tempo libero, il tempo comune diventa sempre più prezioso. Theloudis ha studiato il valore esatto nella sua ricerca Convivialità in casacondotto tra tremila e quattromila olandesi eterosessuali.

Ad esempio, sembra che le famiglie con bambini siano disposte a pagare 1,20 euro l’ora (10% della paga oraria, 200 euro al mese) per un’ora per due invece di stare da sole. Il tempo trascorso con i bambini vale addirittura 2,10 l’ora (17% della paga oraria, 350 euro al mese).

Non progredire nella tua carriera

Le persone non spendono davvero 1,20 euro o 2,10 euro, spiega Theloudis. “Riguarda la paga che le persone vogliono perdere per poter stare insieme (con i bambini) invece che da soli”. Pensa alla scelta di lavorare part-time o rifiutare una promozione. “Ad esempio, una promozione può significare che devi lavorare la sera e quindi non stare con la famiglia. Molte donne poi optano per quest’ultima”.

“Le donne guadagnano meno, quindi a volte ha più senso che preferiscano lavorare part-time rispetto all’uomo”.

Alex Theloudis, Università di Tilburg

READ  Saranno vietate le locazioni temporanee, maggioranza in parlamento

Sono soprattutto le donne a sacrificare la propria carriera, conclude Theloudis nella sua ricerca. “Nei Paesi Bassi, storicamente si è sviluppato in modo tale che le donne lavorano meno. Guadagnano meno, quindi a volte ha più senso che lavorino anche part-time prima dell’uomo”.

Ciò si riflette anche nei dati di Statistics Netherlands. Sul sito web Statistics Netherlands indica che 4,5 milioni di olandesi (di età compresa tra 15 e 75 anni) lavorano a tempo parziale. tre quarti di questi è una donna.

La ricerca di Theloudis mostra anche che è più probabile che le giovani madri scelgano un lavoro “più noioso” che offra una sicurezza più stabile. “Le persone a volte pensano che il divario retributivo sia dovuto solo alla differenza di genere. Ma un fattore esterno, come l’educazione dei figli, ha una grande influenza sul divario retributivo”.

Il desiderio della società

Joyce van der Wegen, membro del consiglio del Dutch Women’s Council (NVR), ritiene inoltre che le scelte professionali delle donne siano spesso influenzate dall’esterno. “Spesso dalla società ci si aspetta un lavoro part-time. L’assistenza all’infanzia di solito chiama prima la madre. E quando si chiede un figlio, alle persone a volte viene anche chiesto del desiderio di avere figli, aspettandosi che la donna lavori a tempo parziale in seguito. Considerando che l’idea tra gli uomini è sempre che devono portare il denaro».

Per cambiare questo, Van der Wegen ritiene che siano necessari modelli di ruolo che vadano contro queste aspettative. “Le madri in posizioni di leadership possono servire da ispirazione. Dimostrano che la maternità può essere combinata con una carriera”. Il datore di lavoro oi politici devono collaborare in questo. “Ad esempio, trasforma una posizione dirigenziale in una condivisione di lavoro in modo che due persone possano lavorare entrambe a tempo parziale”.

READ  Coronavirus, la paura del blocco affonda i mercati azionari, l'economia trema - Economia

Questa idea non risolve completamente il divario salariale, afferma Van der Wegen. “Le donne sono ancora pagate meno dei loro colleghi maschi diretti in determinate posizioni. Questa è solo la punta dell’iceberg”.

Colmare il divario con l’assistenza all’infanzia gratuita

Ad esempio, il divario retributivo può essere leggermente ridotto se l’assistenza all’infanzia diventa più economica o gratuita. “Le donne lavorano part-time o smettono di lavorare per risparmiare sull’assistenza all’infanzia. Se fosse gratuito, alcune donne potrebbero iniziare a lavorare di più”.

Theloudis è d’accordo, ma aggiunge un avvertimento. “Il tempo che la famiglia trascorre insieme è ancora estremamente importante. Quindi l’effetto di un’assistenza all’infanzia più economica non sarà così grande. I genitori preferiscono stare insieme”.

Van der Wegen pensa che sia una buona immagine del futuro. “Mia nonna ha smesso di lavorare quando sono arrivati ​​i bambini, mia madre ha lavorato part-time. Che bello se questa generazione potesse lavorare solo quattro giorni e prendersi cura dei bambini con il partner”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *