Impiegati GGD in strada, agenzie interinali “rendono difficile” il TFR

Impiegati GGD in strada, agenzie interinali “rendono difficile” il TFR

Circa 50 ex dipendenti GGD, che hanno lavorato attraverso agenzie di collocamento per servizi governativi nei Paesi Bassi, si sono riuniti in un gruppo di domande. “All’inizio si trattava principalmente di scambiare i turni”, spiega Laura Heren, partecipante. Ha lavorato come ricercatrice di contatti e contatti per quasi un anno, ma ora è a casa, come molti dei suoi colleghi.

Irritazione con i datori di lavoro

“La maggior parte di loro è stata licenziata questa primavera. Mi sono trovata a casa con un esaurimento”, dice. Da allora, il gruppo di app si è trasformato sempre più in un gruppo di supporto, poiché è cresciuta l’irritazione per il modo in cui i datori di lavoro trattano i propri dipendenti. “Non abbiamo venduto lavatrici. Ho avuto persone online con traumi, dal cancro ai decessi per corona”, dice Margot, che preferisce non condividere il suo cognome.

Margot, Laura, Ayleen e Rianda hanno condotto la ricerca di fonti e contatti per il GGD. Lo hanno fatto in call center come Yource e Teleperformance, che assumevano personale attraverso varie agenzie di collocamento. Ciò significava creare file per le persone infette e chiamare i contatti, hanno detto a RTL Nieuws vari ex dipendenti. Questo è successo per circa 12,25 euro lordi all’ora.

70.000 lavoratori temporanei nei GGD

Dopo lo scoppio della crisi della corona, il GGD invita le aziende a combattere la malattia. SOS International fornisce quindi il sistema nazionale di indagine sulle fonti e sui contatti. A tale scopo sono chiamati anche i call center, che a loro volta assumono agenzie di collocamento.

Questi includono i call center: Teleperformance, Webhelp, Yource e Majorel. E agenzie interinali: Manpower, Randstad, Unique, Olympia, YoungCapital, Wiertz e MF.

Al culmine della crisi della corona, circa 70.000 lavoratori temporanei lavoravano per il GGD. Per il momento, secondo i sindacati, sono ancora almeno 10mila.

Al momento dell’indagine di RTL Nieuws, alcune emittenti hanno promesso di pagare il pagamento di transizione. Alcuni dei dipendenti con cui abbiamo parlato stanno ancora aspettando di essere pagati.

‘Pacche, boom, in strada’

Non importa che siano finite per strada, dicono Laura e Margot. Sapevano che stava arrivando. Ma poi devono vendere per ottenere ciò a cui pensano di avere diritto? Non è così che dovrebbe essere.

READ  Cinque decappottabili usate fino a 5.000 euro

“Improvvisamente ho ricevuto una chiamata e un’e-mail sulle mie dimissioni. Pats, boom. Nessun annuncio. Niente grazie”, dice Margot. “Abbiamo diritto a un pagamento di transizione, ma non possiamo semplicemente contare su di esso”. Per Margot, secondo lei, sono poche centinaia di euro.

“Soggetto difficile”

Secondo i dipendenti, le persone sono state inviate dal pilastro alla posta per settimane. I datori di lavoro ricevono e-mail e telefonate, ma “ovunque” le persone ottengono informazioni diverse, affermano gli ex dipendenti di GGD. Dipende dalle questioni legali, si cerca qualcosa di sostitutivo o non c’è alcuna risposta. L’obiettivo, secondo i dipendenti, è rallentare.

“È un affare difficile. Ecco perché ora ci aiutiamo a vicenda. Condividere informazioni, scrivere lettere”, afferma Margot. “Non voglio che pensiamo che sia normale, perché le persone a basso salario dovrebbero essere trattate in questo modo? Ecco perché parlo ora”.

Indennità di transizione: anche se hai un contratto di lavoro a tempo determinato

Questo è il cosiddetto pagamento di transizione. Ne ha diritto ogni lavoratore licenziato dal datore di lavoro. È così che è stato descritto dalla legge dal 2015, afferma Pascal Besselink, avvocato del lavoro presso DAS. “Anche se hai un contratto a tempo determinato o lavori in un’agenzia di collocamento”.

Quando il datore di lavoro risolve il tuo contratto (per iscritto), puoi reclamarlo. “La royalty deve essere pagata alla fine del contratto, di solito al momento della liquidazione definitiva ed entro un mese dalla scadenza”. In caso contrario, puoi contattare il tuo datore di lavoro. Dopo questo mese, hai anche diritto interesse legale ed eventuali spese di riscossione o contenzioso.

Quanto costa il pagamento di transizione?

L’indennità transitoria è pari a un terzo della retribuzione mensile lorda per ogni anno di servizio prestato. L’importo del risarcimento dipende dal tuo stipendio e dal periodo durante il quale hai lavorato. Se lavori un anno e un giorno, sarai rimborsato pro rata tempo anche per quel giorno. L’indennità è calcolata dal primo giorno lavorativo, contano anche il periodo di prova e le ferie.

READ  Il primo partito vecchio stile (con la politica 1G) va bene

Uno che lavora a tempo pieno e guadagna circa 10 euro l’ora, accumula dai 50 ai 60 euro al mese di indennità di transizione, calcola il sindacato CNV. Qui troverai ancora di più esempi di calcolo

Andare in tribunale entro tre mesi: ‘Altrimenti sei sfortunato’

Secondo Besselink, la cosa più importante quando si richiede un pagamento transitorio è che devi avviare un’azione legale entro tre mesi dalla risoluzione del contratto se un datore di lavoro non vuole pagare. “Se non lo fai, è la fine dell’esercizio”, dice.

Anche se le promesse sono state fatte, l’affare non è semplice: “Una telefonata o una e-mail non contano, vedo succedere molte cose nella pratica.

Accordi durissimi

Ciò che conta è raggiungere accordi fermi con il datore di lavoro attraverso a accordo transattivo† Contiene impegni e azioni concrete, come l’importo della caparra versata e quando. In questo modo hai abbastanza munizioni se si rivela una causa, e puoi ancora bussare alla porta del datore di lavoro dopo i tre mesi e chiedere il rispetto dell’accordo.

Se non lo fai, è possibile che i soldi scompaiano nelle tasche dei datori di lavoro, in questo caso le agenzie di collocamento. Una questione che è stata sollevata anche dai sindacati all’inizio di quest’anno. La FNV ha concluso da un’indagine su quasi duecento lavoratori temporanei che non tutti stavano ottenendo ciò a cui avevano diritto. Quindi sarebbero milioni di euro la mancanza

L’Algemene Bond Uitzendondernemingen (ABU) ha menzionato questa scoperta in precedenza troppo miope. Alcune agenzie di collocamento inoltre non saprebbero quando pagare un pagamento di transizione.

Proporre nuove offerte di lavoro

Il sindacato CNV ha ricevuto diverse dozzine di segnalazioni di “fastidi” riguardanti il ​​pagamento di transizione. “Si tratta di un gruppo di dipendenti che non stanno contattando tempestivamente un sindacato, quindi sospettiamo di avere solo una piccola parte dei problemi nella foto”, ha affermato il portavoce Kees de Vos. A volte il problema si risolve con poche chiamate, altre emittenti sono più persistenti nel loro approccio.

READ  è così che l'ha fatto (e tutto è legale) - Corriere.it

“Quello che capita spesso è che le agenzie per il lavoro propongono nuove offerte alla scadenza del contratto. Se qualcuno non lo accetta, ad esempio perché è un lavoro molto diverso o meno piacevole, gli viene detto che non ha più diritto a un compenso transizione”, afferma De Fox.

Il lavoro di sostituzione deve essere appropriato

Il trucco che viene applicato qui, secondo Besselink: se rifiuti il ​​lavoro sostitutivo, secondo l’agenzia per il lavoro, sei responsabile della risoluzione del contratto e non è previsto un pagamento di transizione. Ma i due sono separati: il lavoro sostitutivo viene offerto solo se qualcuno rimane sotto contratto con l’agenzia interinale, mentre viene corrisposta un’indennità transitoria se l’agenzia interinale risolve il contratto.

A parte questo, il lavoro sostitutivo deve essere adattato: “Non può essere solo un’altra posizione o un orario di lavoro completamente diverso”, precisa. Spesso è anche possibile rifiutare, anche se dovresti guardare attentamente cosa c’è nella descrizione del tuo lavoro.

‘Torniamo’

RTL ha posto domande alle agenzie di collocamento interessate (vedi riquadro). Delle sette parti avvicinate, tre hanno risposto. Olympia, Manpower e YoungCapital hanno annunciato che pagheranno se necessario. “Se non viene trovato lavoro per le persone a cui ci riferiamo per un nuovo lavoro, pagheremo un’indennità di transizione”, ha affermato un portavoce di The Works, la società madre di YoungCapital.

Olympia e YoungCapital hanno anche fatto l’impegno a diversi dipendenti, secondo gli intervistati. Alcuni stanno ancora aspettando il pagamento. Eppure sono contenti della promessa, così come delle scuse fatte da alcuni. “Sembra che il tono sia cambiato”, ha detto uno. “Voglio in particolare che mantengano quel tono in futuro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *