In Onda, “tragedia della sinistra”. Alessandro Sallusti spara la bomba sulla vicenda Mps, nasce lo studio radicale – Il Tempo

Giorgia Peretti

Unicredit ha lanciato la palla per l’acquisizione del Monte dei Paschi di Siena. La recente notizia delle trattative con il Ministero dell’Economia e delle Finanze è protagonista della puntata di mercoledì 4 agosto di “In Onda”. Il talk show di approfondimento politico de La 7 in prima serata, condotto da David Parenzo e Concita De Gregorio, intervista il regista di Libero Alessandro Sallusti.

“Penso che la storia del Monte dei Paschi non sia una tragedia della finanza o del mondo bancario ma è una tragedia della sinistra – esordisce il giornalista – perché questa banca, che dobbiamo ricordare che è la più antica Banca d’Italia, è stata gestita come fosse la cassa (ora banalizzo un po’ ovviamente per far capire) prima del PC poi del PDS poi del PD è stata svuotata per cattiva gestione è stata reintegrata con soldi pubblici l’ultima volta 6 miliardi ma c’è chi ha contato 30 miliardi che sono stati messi in questa scatola privata della sinistra italiana”.
Ma Parenzo lo interrompe: “Attenzione Sallusti devi spiegare per evitare lamentele. Non possiamo fare un collegamento diretto tra il Pc, il Pd e il Pds che usavano il Monte dei Paschi come bancomat”.

“Capisco la precisazione – continua il direttore di Libero – ma la banca è gestita da una fondazione, e la fondazione è un organismo politico e devi solo andare a vedere chi c’era al vertice della fondazione che gestiva la banca. Ma comunque, detto che è una tragedia della sinistra che non del mondo finanziario, ora ecco un soggetto privato che probabilmente non avrà il proprio vantaggio con grande entusiasmo, è pronto a prendersela. Anche questo avrà un costo di qualche miliardo per la collettività, ma penso e spero che questa operazione avvenga così una volta per tutte il Monte dei Paschi esce dall’orbita della politica. Non dobbiamo tenerlo come cittadini e se c’è un ultimo pesce da mettere, anche se è costoso, mettilo. Altrimenti diventa come Alitalia diventa come Ilva diventa è diventa una storia infinita e un buco nero senza fine”. Anche nello studio del vicedirettore de La Repubblica Sergio Rizzo sembra invitare a maggiore cautela con collegamenti diretti alla sinistra, puntando sulla reale inesistenza di prove di scambi di denaro. Concita De Gregorio taglia corto: “Ma torniamo al tema del lavoro con i tanti licenziamenti”. “Per carità, non parliamo di sinistra!”, Stings Sallusti tra l’altro.

READ  Alibaba presenta Airo, l'auto elettrica che pulisce l'ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *