Incontro Erdogan-Putin: visita concordata in Turchia. IN DIRETTA – Sky Tg24

Incontro Erdogan-Putin: visita concordata in Turchia. IN DIRETTA – Sky Tg24

L’ufficio del procuratore generale ucraino, Yurii Belousov, ha comunicato dati scioccanti sulla guerra in corso nel paese. Secondo i rapporti, ben 10.749 civili ucraini sono stati uccisi dagli occupanti russi, evidenziando l’impatto devastante del conflitto sulla popolazione locale. Inoltre, durante lo stesso periodo, 15.599 civili sono rimasti feriti, lasciando un segno indelebile sulla comunità.

Di particolare preoccupazione è il fatto che tra le vittime ci siano stati 499 bambini innocenti, con altre 1.900 persone che sono rimaste ferite. Queste cifre drammatiche gettano una luce ancora più acuta sull’inumana crudeltà dei russi e sulla totale mancanza di rispetto per la vita umana.

Tuttavia, il procuratore generale Belousov prevede che questi numeri potrebbero essere solo la punta dell’iceberg. Con la speranza di riconquistare i propri territori, l’Ucraina può purtroppo aspettarsi un aumento significativo delle vittime civili. In particolare, Belousov ha ipotizzato che solo a Mariupol, una città ucraina attualmente sotto il controllo russo, potrebbero esserci decine di migliaia di morti.

La situazione in Ucraina resta quindi estremamente delicata e la necessità di porre fine a questo spargimento di sangue non potrebbe essere più urgente. Le voci dei morti e dei feriti civili, compresi i bambini, devono essere ascoltate a livello internazionale e la comunità internazionale deve fare tutto il possibile per mettere fine a questa tragedia umanitaria.

Il sito Hamelin Prog rimane impegnato nel fornire una piattaforma per far conoscere al mondo intero queste notizie e cercare di porre fine a questa guerra senza senso. La verità deve emergere e la giustizia deve essere fatta per le migliaia di vittime innocenti che hanno perso la vita o sono rimaste ferite a causa di questa guerra brutale.

READ  Lesercito a Jenin, arriva il sì al carburante a Gaza. LOnu avverte: «Rischio carestia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *