“Insegnare agli studenti delle scuole superiori l’argomento del ragionamento logico”

“Insegnare agli studenti delle scuole superiori l’argomento del ragionamento logico”

Le persone che possono pensare in modo logico sono cittadini resilienti. Meglio in grado di avere una discussione significativa. Più resistente agli errori e alle fake news. Secondo il ricercatore di matematica Hugo Bronkhorst. Vuole includere il ragionamento logico come materia nel curriculum della scuola secondaria.

Mieke Zijlmans

Quando piove, la strada è bagnata. Quindi: se la strada è bagnata, piove. Aspetta: qualcuno potrebbe lavare la sua auto. O un cane che fa pipì sul marciapiede. Rende anche la strada bagnata. Rendendosi conto che tale ragionamento se-allora – “se piove, la strada sarà bagnata” – non può sempre essere ribaltato come è un esempio della capacità di ragionare logicamente.

Suona matematico: ragionamento logico. Quindi sbarazzati dei tuoi studenti che trovano difficile la matematica con questo; non avranno senso. L’insegnante e ricercatore di matematica Hugo Bronkhorst ha ora trovato un modo accessibile per insegnare agli studenti questo modo di pensare. Sostiene che questo approccio dovrebbe essere incluso nel curriculum di tutte le scuole secondarie, dal primo anno. Bronkhorst ha conseguito il dottorato presso l’Università di Groningen sul metodo e la sua ricerca sui suoi effetti.

Riflettere

Cosa significa veramente: ragionamento logico? Bronkhorst: “Lo facciamo tutti, ogni giorno, quando iniziamo a pensare. Il ragionamento logico inizia dove finisce l’intuizione. Quando succede qualcosa di inaspettato, reagisci di riflesso: è l’intuizione. Quando inizi a pensare alla tua situazione, si tratta di ragionamento logico. Fai un passo indietro, per così dire, e ti chiedi: le informazioni sono affidabili? Chi dice cosa su un argomento? Quando un medico parla di medicina, quell’informazione è probabilmente più affidabile che se leggi qualcosa sulla salute su Facebook. Penserai tu stesso alle informazioni che riceverai. Sceglierai le informazioni, stabilirai connessioni, quindi interpreterai e infine arriverai a una conclusione.

Bronkhorst ha sviluppato un programma di insegnamento e lo ha testato sugli alunni di otto scuole dalla Zelanda a Groningen. Questi 56 studenti del test hanno ricevuto dieci lezioni di ragionamento logico. Inoltre, c’era un gruppo di controllo di 107 studenti, che non hanno ricevuto lezioni speciali. Tutti gli studenti pre-universitari con profilo Cultura e Società non scientifico, che comprende Matematica C. Materie di prova ideali, per quanto riguarda Bronkhorst. “Questi studenti potrebbero non essere così orientati algebricamente. Imparano immediatamente che la matematica va oltre il lavoro con funzioni e formule.

lucia da b.

Per insegnare loro i principi del ragionamento logico, Bronkhorst ha utilizzato vari modelli di pensiero di base, compresi quelli basati su eventi reali. Ad esempio, utilizza le prove del processo dell’infermiera Lucia de B., ingiustamente accusata di più omicidi. Ad esempio: “Se A: Il bambino è avvelenato, B: Il bambino diventa blu. Questo potrebbe essere vero: se A è vero, lo è anche B. Ma B può anche essere vero senza che A lo sia: forse questo bambino diventa blu senza essere avvelenato e c’è qualcos’altro che non va nel bambino. Gli studenti devono analizzare questa trappola mettendo la frase in uno schizzo.

Un’altra notazione matematica: il diagramma di Venn. Questo utilizza cerchi che possono sovrapporsi o meno. Ad esempio, puoi disegnare un grande cerchio che rappresenta tutte le persone. All’interno disegna un piccolo cerchio che rappresenta le persone che si sentono donne e un altro per le persone che si sentono uomini. Questi piccoli cerchi si sovrapporranno in parte: dopotutto, ci sono persone che si sentono sia maschili che femminili allo stesso tempo. In questo modo eviti la conclusione che tutti si sentano uomini o donne. La collezione di “cani” ottiene quindi una propria cerchia, ovviamente al di fuori della cerchia delle “persone”.

Sillogismo

Un modello logico spirituale di pensiero è quello che viene chiamato il sillogismo: due proposizioni con una conclusione conseguente. Esempio: i pinguini sono in bianco e nero. I film prebellici sono in bianco e nero. Conclusione: i pinguini sono film prebellici. Il ricercatore usa il principio del sillogismo per contestare gli errori.

E Bronkhorst fornisce diagrammi che iniziano con blocchi con informazioni equivalenti. Ogni blocco contiene informazioni su un argomento. Da lì, tramite le frecce, si arriva a una conclusione. Ad esempio: un blocco per Amsterdammers, un blocco per Haarlemmers e un blocco per Zaankanters. Vivono tutti nell’Olanda del Nord e gli olandesi del Nord vivono tutti nei Paesi Bassi. Schematicamente: Amsterdammers, Haarlemmers, Zaankanters => vivono nell’Olanda settentrionale => vivono nei Paesi Bassi. Non puoi semplicemente invertire questo schema, perché in tal caso il ragionamento non è più corretto: non tutti gli olandesi vivono nell’Olanda settentrionale e non tutti gli olandesi del nord vivono in una di queste città. Un bambino può fare il bucato, è così semplice.

modelli di pensiero

Bronkhorst ha così creato un file didattico completo con testi e diagrammi. Durante le lezioni, gli studenti organizzano esempi in tali diagrammi. Infine, l’insegnante mostra la soluzione di tutti alla classe in modo che tutti possano vedere che spesso puoi arrivare alla stessa conclusione attraverso percorsi diversi.

Per determinare se il suo metodo funziona, tutti gli studenti partecipanti – i 56 studenti del test e i 107 del gruppo di controllo – hanno sostenuto lo stesso test prima e dopo la lezione. Gli studenti riciclati hanno dimostrato di essere in grado di applicare diagrammi, diagrammi di Venn e analisi a semplici frasi, argomenti e articoli di giornale, aiutandoli a trovare prove ed errori. Gli studenti del gruppo di controllo si sono avvicinati al post-test allo stesso modo del pre-test e hanno esaminato gli argomenti molto meno spesso.

educazione ai media

Bronkhorst sostiene quindi l’inclusione del ragionamento logico nel curriculum degli studenti delle scuole superiori. “C’è molto da guadagnare insegnando agli studenti come estrarre e analizzare le informazioni”, dice. “Li rende più resilienti nella società dell’informazione odierna. Ci sono così tante informazioni disponibili. Spesso non selezioni tu stesso le informazioni: ad esempio, lo fa il browser che usi o il feed di notizie. Sii consapevole di questo. Acquisire una certa cultura mediatica: tutto questo è questione di pensiero critico.

Statua di Hugo Bronkhorst

Hugo Bronkhorst

riprendere

Hugo Bronkhorst, 22 settembre 1981, Boxtel

2003 Formazione per insegnanti di matematica Fontys, Tilburg

2004 Thompson Rivers University, Columbia Britannica, Canada

2006 Victoria University di Wellington, Nuova Zelanda

2007 Master Università di Groningen

2008-oggi Professore di Matematica CS Vincent van Gogh, Assen

2021 Dottorato di ricerca Università di Groningen

READ  Il giorno più corto non è il 13 ma il 21 dicembre, arriverà con l'inverno - Espace & Astronomie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *