Italia in profonda crisi: cinque motivi per cui gli Azzurri dovrebbero saltare ancora il Mondiale

Il calcio italiano sta attraversando un incubo poiché per la seconda volta consecutiva il Paese non parteciperà ai Mondiali. Questa è solo la terza edizione che gli Azzurri devono aver perso dalla sua creazione nel 1930. Come ci siamo arrivati?

Chi segna i gol?

Chi segnerà i gol La prima cosa che salta all’occhio è il numero estremamente basso di gol segnati: dieci nelle ultime otto partite. Ma non commettere errori, c’è anche un 5-0 contro la Lituania. Quindi quello che puoi davvero aspettarti e questo porta il conteggio a cinque gol in sette partite da quando hai vinto il campionato europeo. E quello contro paesi come l’Irlanda del Nord, la Bulgaria, la Svizzera e, da ieri, anche la Macedonia del Nord. Inoltre, il capocannoniere di questo periodo è il terzino destro Giovanni Di Lorenzo, l’uomo dominato da Jérémy Doku la scorsa estate.Tra gli attaccanti che c’erano ora, solo il giovane Giacomo Raspadori è riuscito a segnare dopo il titolo europeo a Wembley . . Infatti, per i gol del numero 1 Ciro Immobile e del vicecampione Andrea Belotti, bisogna risalire all’inizio dell’Europeo o prima. Il primo, però, sembra in corsa per il titolo di capocannoniere della Serie A. Immobile ha già segnato 21 gol con la Lazio in questa stagione. Sono stati contati 35 tiri contro la Macedonia del Nord, ma solo cinque sono finiti tra i pali. Chi segnerà i gol di questa Italia? Tutte le speranze sono sulle spalle dei nuovi arrivati ​​Raspadori e Gianluca Scamacca – che quest’estate sembrano destinati a salire nella massima serie italiana – ma resta da vedere se diventeranno davvero i salvatori. No toppersChiediti: puoi elencare l’undicesimo titolare italiano che è stato espulso contro la Macedonia del Nord? Probabilmente conosci Gianluigi Donnarumma, Jorginho e Marco Verratti, ma per il resto? Questo potrebbe essere anche il problema di questa squadra italiana. Mancano le cime. L’Italia non ha Cristiano Ronaldo, Lionel Messi, Romelu Lukaku, Kevin De Bruyne, Harry Kane, Kylian Mbappé, Robert Lewandowski,… L’Italia deve fare affidamento sul collettivo. Niente di sbagliato in questo, potrebbe essere meglio che fare affidamento sui flash di classe dei fuoriclasse. Ma poi il collettivo deve esserci sempre. Ha funzionato anche per gli Azzurri fino alla finale dell’Europeo. Da allora la coesione sembra essere scomparsa ed è quindi necessario che i giocatori superino se stessi e prendano in mano la squadra. Questi mancano. Troppi assenti Se contiamo sul collettivo, tutti i protagonisti devono essere sempre presenti. Nel momento in cui alcuni ingranaggi vengono rimossi dal sistema, crolla. La Macedonia del Nord, ad esempio, ha giocato in difesa d’emergenza con Emerson, Bastoni, Mancini e Florenzi. Nessuno di questi quattro giocatori era una pedina fondamentale nel precedente Campionato Europeo. E’ una tragedia soprattutto quando si sa chi si è appena ritrovato in panchina per infortuni: Chiellini e Bonucci, i due leader assoluti di questa Squadra. A volte come ieri hai bisogno di tutti i tuoi uomini importanti, si è scoperto di nuovo. Ma c’erano anche problemi in anticipo. In altre parole, c’era un grosso problema. Federico Chiesa era assente. Non ancora il nome più grande del calcio mondiale, ma qualcuno che potrebbe giocare comunque ad un livello superiore rispetto agli Azzurri. Nella fase a eliminazione diretta dell’Europeo è stato lui soprattutto a portare gli italiani alla vittoria finale. “Abbi fede in Fede” si sentiva ovunque: fidati di Federico. Questo dice abbastanza sulla quota di Chiesa del titolo europeo. E se manca anche lui, allora – per dirla con Bob Peeters – sai che sarà dura. Tra il 10 ottobre 2018 e il 7 ottobre 2021 non ha perso una sola partita. Si è conclusa nella semifinale della Nations League contro la Spagna. Questa partita poteva avere anche qualcosa di simbolico: la chance degli italiani negli ottavi di finale era esaurita. Basti pensare all’ultimo Europeo, quando l’Italia avrebbe potuto essere eliminata subito contro l’Austria al secondo turno. Marko Arnautovic ha segnato lo 0-1 ai supplementari, ma quel gol è stato annullato per un fuorigioco di un millimetro. In più tempo, l’Italia è nuovamente passata sopra i vicini settentrionali. Tre delle quattro partite a eliminazione diretta sono state vinte solo ai supplementari o ai rigori. Solo contro il Belgio il lavoro era già stato svolto nei tempi regolamentari. Se vinci anche due volte ai rigori, hai molto Lady Fortuna dalla tua parte. Ma questo è mancato contro la Macedonia del Nord. Come una specie di karma, hanno anche segnato nei minuti di recupero. Non potrebbe essere più simbolico. Ma l’eliminazione dell’Italia è dovuta solo alla sfortuna e alla sfortuna o c’è dell’altro? L’Europeo è stato solo un revival di breve durata del calcio italiano che ha in qualche modo oscurato la crisi dell’ultimo decennio? Non solo la nazionale, ma tutto il calcio italiano sta attraversando una profonda crisi. Sono anni che la Serie A non riesce a competere con i big. Solo la Juventus è riuscita a conquistare il titolo di miglior club europeo per un certo periodo raggiungendo due volte la finale di Champions League, ma dall’ultima vittoria di Champions League nel 2010 dell’Inter, i club italiani hanno giocato a malapena in Europa. Anche quest’anno: solo l’AS Roma è ancora attiva… in Conference League. Non è esattamente dove gli italiani vogliono far brillare i loro club, dove i grandi nomi venivano allo stivale, non è così da molto tempo. A parte Romelu Lukaku e Cristiano Ronaldo, la maggior parte dei migliori giocatori sta voltando le spalle alla Serie A. È quasi diventata una competizione in crescita per la Liga e la Premier League molto più grandi. E questa spirale discendente continua con la nazionale. Ad esempio, lo sapevi che l’Italia ha giocato l’ultima partita a eliminazione diretta ai Mondiali nel 2006? Poi ha battuto la Francia in finale. Da allora è uscito due volte nella fase a gironi e nel 2018 non ha gareggiato. Come alla fine di quest’anno in Qatar. Quindi la resurrezione sarà per l’Europeo 2024, dovrebbe funzionare, giusto?

READ  Seconda demo disponibile in tre formati, precarica ora su PS5 / 4 - Multiplayer.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.