Sei al sicuro dall’aggressione di Putin, dice Biden ai polacchi

Sei al sicuro dall’aggressione di Putin, dice Biden ai polacchi

Apparentemente dal nulla, alla fine del discorso di Joe Biden sulla lunga lotta per la pace, la sicurezza e la volontà popolare, il suo desiderio è caduto dal cielo come missili su Leopoli. “Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere”, ha sospirato sabato sera il presidente americano a Varsavia.

Durante la sua visita di due giorni in Polonia, Biden aveva già definito il leader russo Vladimir Putin un “macellaio” e un “dittatore”. E ha descritto la sua brutale invasione dell’Ucraina come irreale come un “film di fantascienza”. Ma mai prima d’ora Biden ha chiesto la partenza di Putin e un cambio di potere a Mosca. Dopo il suo discorso la Casa Bianca si precipitò specificare che il presidente americano non aveva chiesto cambio di dieta

Nel cortile del Castello Reale di Varsavia, ricostruito dopo la seconda guerra mondiale, Biden descrisse “l’eterna lotta per la democrazia”. Una lotta ardua e costosa, ma “dobbiamo pagare questo prezzo, perché l’oscurità che guida l’autocrazia alla fine non può competere con la fiamma della libertà che illumina l’anima delle persone ovunque”. Una realtà che i polacchi, che si sono sbarazzati del comunismo solo 33 anni fa, capiscono meglio di chiunque altro.

Biden ha definito Putin un perdente morale, la sua invasione un “fallimento strategico” e la NATO “più forte che mai”. E ha più volte ricordato a Varsavia le parole del papa polacco Giovanni Paolo II, che ha avuto un ruolo chiave nel rovesciamento del regime comunista in Polonia nel 1989: “Non abbiate paura”.

Analizzare: La Polonia rivendica il suo posto centrale con parole e fatti

READ  Covid: le infezioni in India sono in aumento, record dall'inizio del 2021 - Ultima ora

Stato in prima linea

Nel suo primo viaggio in Europa dall’inizio della guerra in Ucraina, Biden ha visitato la Polonia per ringraziare quello stato in prima linea per i suoi sforzi per aiutare i rifugiati ucraini e facilitare la fornitura di armi al paese vicino che ne ha bisogno. Ma soprattutto prometto alla Polonia che sarà al sicuro dall’aggressione di Putin. Difendere il territorio della Nato, di cui la Polonia fa parte dal 1999, è un suo “sacro dovere”, ha promesso Biden.

Era il conforto per il quale centinaia di polacchi erano venuti nella Città Vecchia e molti altri avevano assistito al discorso in televisione. “Anche se sono solo parole, contano se sono garanzie del presidente americano”, spiega Alicja Jez (19), studentessa inglese con i riccioli scoloriti. Cerca di non pensarci troppo, ma nelle ultime settimane teme un’ulteriore escalation della guerra in Europa. Sabato, la violenza si è spostata di nuovo più vicino al confine polacco, quando i razzi hanno colpito Leopolila città nell’Ucraina occidentale a sessanta chilometri dal confine polacco.

Le forze statunitensi non sono in Europa per entrare in conflitto con le forze russe. Sono lì per difendere la NATO

Altri spettatori erano venuti al discorso con aspettative maggiori. Bogdan Danko (17) è fuggito dalla città ucraina di Lutsk da solo tre settimane fa e da allora aspetta a Varsavia un visto per il Canada, dove ha una famiglia. “Per portare la pace è essenziale la chiusura dello spazio aereo. Vorrei che Biden fosse stato disposto a farlo”, dice dietro lenti spesse e la bandiera giallo-blu dell’Ucraina intorno alle sue spalle strette. Ma gli americani hanno indicato che non stabiliranno una zona di esclusione aerea, il che equivarrebbe a disinnescare l’equipaggiamento russo “Le forze americane non sono in Europa per impegnarsi in un conflitto con le forze russe. Sono qui per difendere la NATO”, ha detto Biden. Dopo la sua esibizione, gli ucraini hanno cantato il loro inno nazionale davanti al palco vuoto e cantato “chiudi questo cielo

READ  Covid, pipistrelli nel laboratorio di Wuhan? Virologo cinese parlante

Incarico a tempo indeterminato

Krzysztof Zielke (59) aveva appena sperato che Biden “finalmente si impegnasse per lo stazionamento permanente di 30.000 soldati americani in Polonia”. Ma nemmeno quella promessa si è concretizzata. Zielk, un alto funzionario con i baffi a spazzola, si trovava anche lui in questo castello nel 1997 quando Bill Clinton promise l’adesione della Polonia alla NATO. “Il grosso errore è che non abbiamo ampliato ulteriormente la NATO”, dice. Secondo lui, ora l’Ucraina non sarebbe in rovina.

Zielke è venuto a trovare Biden in quel freddo e ventoso sabato sera con due figli, uno dei quali sventola una bandiera blu scuro della NATO, e applaude quasi tutto ciò che dice il presidente. Non ha rinunciato a credere in una continua presenza militare americana sul fianco orientale. “In precedenza volevamo ‘Fort Trump’ invano, ora tutti sperano in ‘Fort Biden'”.

Equilibrio di Biden: Dissuadere Putin dall’intervenire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *