Jérémie Makiese partecipa all’Eurovision Song Contest in Italia con ‘Miss You’: “Voglio vincere per tutti i belgi”

Jérémie Makiese partecipa all’Eurovision Song Contest in Italia con ‘Miss You’: “Voglio vincere per tutti i belgi”

Jérémie Makiese ha solo 21 anni, ma il suo futuro sembra già roseo. Del resto l’ex portiere della Virton potrebbe rappresentare il nostro Paese all’Eurovision Song Contest in Italia a maggio con ‘Miss You’. Il singolo è uscito solo da pochi giorni e già leggiamo solo recensioni entusiastiche su questa canzone. Jérémie – che è bilingue – vuole ottenere solo una cosa con la sua partecipazione: “Voglio vincere per tutti i belgi”, sottolinea.

Nel bellissimo nuovo edificio della sua casa discografica Universal Studio a Bruxelles, abbiamo avuto una conversazione con l’unico e solo Jérémie, che ci parlava costantemente in olandese. Quando ha dovuto cercare una parola, ha lanciato un’occhiata in direzione del suo manager, che gli ha dato un cross, dopodiché l’amichevole brussellese ha continuato.

Ti sei mai ripreso dall’uscita del tuo singolo? Perché probabilmente è stata una giornata impegnativa e un po’ di stress?

Geremia“Non proprio, ma sono felice. Sono di buon umore e ho una buona atmosfera. Sono davvero felice, posso ancora sentire l’adrenalina che scorre veloce attraverso il mio corpo.

La canzone suona molto personale. Puoi dire cos’è?

Geremia“Per me è diverso che per te. Ha un significato universale. Ci ho incluso la mia storia, ma non voglio imporla. Così tutti possono riconoscere la propria storia nella canzone. La mia storia è quella del calcio, perché sono un portiere professionista. Quindi è stato un po’ difficile per me prendere una decisione, perché amo il calcio, ma anche la musica. Quindi ho dovuto fare una scelta. Tuttavia, è un sogno poter rappresentare il mio Paese. È un’opportunità unica per presentare la mia musica al mondo e rendere orgoglioso il mio paese. Ma è stato difficile fare questa scelta: calcio o musica. Ero davvero triste, perché scegliere è anche perdere.

I Paesi Bassi inviano un numero olandese. La tua canzone è in inglese, hai pensato di scriverla in francese?

Geremia: “Sì, ma ho anche pensato di fare una canzone in olandese. Ho anche pensato a cosa sarebbe successo se avessi cantato in olandese o in francese. In altre parole, volevo stare nel mezzo, da qui la scelta di ‘una canzone inglese Non volevo ottenere la risposta da è nato ad Anversa, ma canta in francese Dove è cresciuto a Bruxelles e canta in olandese† Quindi volevo rimanere un po’ neutrale e cercare di accontentare tutti con 1 linguaggio universale.

READ  Limita il movimento per evitare la terza ondata

Descrivi il genere della canzone come soul, gospel e R&B. È stata una tua idea immediata entrare in questo suono? O è stata una scelta difficile, avevi molte scelte?

Geremia“In realtà no, non avevamo idea del suono. L’obiettivo era fare buona musica e scrivere una canzone significativa. Mi piace il lavoro di squadra, come nel calcio, quindi mi piace essere ispirato da tutti i generi e dalle persone con cui lavoro. Dobbiamo avere un buon spirito di squadra. Abbiamo davvero lavorato in una certa atmosfera per questa canzone e con un concetto chiaro. A volte sentivo il soul, a volte il pop e anche l’R&B, ma anche all’inizio con i violini puoi creare una connessione con una specie di canzone di James Bond. Sono molto contento del risultato. »

Hai scritto molte canzoni finché non hai trovato quella giusta? E tu, sei un perfezionista?

Jeremy: “’Mi manchi’ è il mio primo figlio. Si è sentito subito bene. »

© PADIA

Se non sbaglio, hai realizzato la canzone con tre persone: Manon Romiti e Silvio Lisbon come sceneggiatori e Mike BGRZ come produttore. Hanno già molta esperienza. Come vi conoscevate?

Geremia: “Attraverso la mia etichetta Universal Belgium, che ha contattato la Universal in Francia. Poi sono andato in Francia per creare la canzone.

Al Belgio piace inviare ogni volta una misteriosa canzone di James Bond all’Eurovision Song Contest. Le persone riconoscono questa atmosfera anche nella tua canzone. È un complimento per te?

Geremia: “Penso davvero che sia un complimento. Significa che veniamo dallo stesso paese e abbiamo le stesse culture, il che è fantastico. Abbiamo una sorta di tipico suono musicale belga, un suono di cui possiamo essere molto orgogliosi. Io’ Sono molto felice Andrò al festival con il nostro atteggiamento belga.

READ  Direzione Covid, "accuse infondate contro Conte e sei ministri": la Procura di Roma chiede di sporgere denunce contro il governo

Ci sono artisti in particolare che ti hanno ispirato nella realizzazione di questa canzone? Sento un po’ di Labyrinth, Bruno Mars,…

Geremia: “In realtà sì. Ho iniziato a fare musica grazie a questi artisti. Li ho ammirati e sempre, come Michael Jackson. Volevo fare lo stesso. Mi hanno ispirato ed è per questo che ora faccio il mio lavoro con le loro influenze. È grazie a loro che “Mi manchi” è diventato una realtà.

Il video musicale è molto visivo, misterioso e oscuro… Com’è stato il processo di realizzazione del video musicale? Hai avuto qualche tua idea?

Geremia: “Sì, quindi in effetti volevo – grazie a Midi che ne è stata l’ideatrice – creare una storia speciale. Abbiamo preso una targa della confessione e l’abbiamo messa in macchina. Per mostrare che stavo parlando con qualcuno, ma alla fine della clip arriva la sorpresa di parlare costantemente con me stesso.

Negli ultimi anni, il Belgio ha talvolta deluso in termini di recitazione all’Eurovision Song Contest. Cosa puoi dirci del tuo atto in Italia? Cosa possiamo aspettarci? Proverai a trasferire l’atmosfera del video musicale sul palco?

Jeremy: “Ho già delle idee (Ride† Sono impressionato, è su un altro livello. Sono molto contento della squadra. Il concetto è impressionante, ma non posso dire molto. Oops, mi sono quasi passato la bocca… (Ride

Primo vincitore di The Voice, ora all’Eurovision Song Contest. Hai altri sogni? È per questo che senti una certa pressione?

Jeremy: “Voglio conquistare il mondo con la mia musica. Voglio inseguire Stromae. Voglio che il mondo intero scopra il nostro atteggiamento belga. Non sento la pressione perché ho un’atmosfera positiva. Voglio prendere questa avventura con entrambe le mani e trarne il massimo. È una possibilità che potrei avere solo una volta. Voglio solo fare del mio meglio e godermi un po’ l’Italia. A proposito, ho comprato anche una guida turistica di Torino al Carrefour (Ride† Ma ovviamente voglio conoscere anche altri artisti.

READ  Vai in vacanza quest'estate o a maggio? Evita quelle strade a pedaggio molto costose

Eri anche portiere della Virton. Non si potrebbe più combinare? E come ha reagito il club alla tua partecipazione?

Geremia“Ho dovuto fare una scelta, ma non è stato facile. Ad essere sincero, anch’io ero un po’ spaventato. Non volevo che i miei colleghi ridessero di me, perché il calcio è molto mascolino e duro. Nella musica devi mostrare emozioni e con il calcio è diverso. Ho avuto paura, ma sono rimasta sorpresa, perché tutti mi sostengono: dal presidente al fisioterapista, sono tutti molto orgogliosi di me.

Hai mai avuto il tempo di ascoltare altri contributi? Se sì, hai già un preferito?

Geremia“Ho già sentito alcune canzoni. È molto bello scoprire i diversi stili. Non mi sento nemmeno in una competizione e il Belgio è molto leale. L’Eurovision Song Contest è un luogo in cui tutti si incontrano e si sentono uniti”.

Questo primo singolo fa parte di un progetto più grande, un album per esempio?

Jeremy: “Sì, mi piacerebbe pubblicare un EP, ma il tempo lo dirà.”

Sei bilingue, il che è eccezionale. Come è successo?

Geremia: “Sono nato ad Anversa, dove sono cresciuto fino all’età di sei anni. Poi mi sono trasferito a Bruxelles, ma la gente qui parla anche olandese. Quindi questa lingua rimarrà anche nella mia testa. Anche i miei fratelli maggiori parlano olandese. Mantiene anche il mio olandese buono.

Eseguirete la canzone dal vivo per la prima volta ad Amsterdam. Non vedi l’ora?

Jeremy: “Certo, sono molto curioso e non vedo l’ora. Sarà così divertente. Non vedo l’ora di incontrare i miei fan ad Amsterdam.

Grazie per questa intervista. Buona fortuna a Torino! (PADI e Geremia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *