La cattiva condotta sessuale costa il lavoro al supervisore del tirocinio del Dipartimento della Difesa

La cattiva condotta sessuale costa il lavoro al supervisore del tirocinio del Dipartimento della Difesa

L’uomo ha lavorato per 30 anni per il Ministero della Difesa, dove è salito al grado di tenente di prima classe nella Royal Netherlands Air Force. In questa posizione, era responsabile, tra l’altro, della supervisione dei tirocini.

Lamentarsi di cattiva condotta

Nel maggio 2019, un giovane stagista ha sporto denuncia contro di lui per comportamento inappropriato. Secondo lei, l’uomo l’aveva messa in pericolo per nove mesi con una serie di comportamenti indesiderati, spesso a connotazione sessuale.

Ad esempio, il supervisore del tirocinio faceva regolarmente commenti con una connotazione sessuale. All’inizio del tirocinio, secondo quanto riferito, ha detto di averla assunta in base alla foto sul suo curriculum.

Quando indossava pantaloni neri lucidi, ha detto “quando ti schiaffeggio il sedere ora, suona così bene”. Le disse anche che non gli piacevano le donne magre. “Non mi piace affatto quando lo vedi andare su e giù nel suo stomaco.”

Chiavi indesiderate

C’era anche un tocco indesiderato. Ad esempio, l’uomo avrebbe preso a calci le natiche della stagista, le avrebbe massaggiato le spalle non richiesto e avrebbe tentato di infilarle una caramella in bocca. In un pub, ha detto di aver smesso di bere birra, perché altrimenti avrebbe continuato a toccarla.

A seguito della denuncia, il ministero della Difesa ha sospeso l’ufficiale e, dopo le indagini, lo ha licenziato nel febbraio 2020. L’uomo si è poi presentato in tribunale per protestare contro il licenziamento. Dopo aver perso quella causa all’inizio dell’anno scorso, ha fatto appello.

sentenza pesante

Durante questo processo, il dipendente ha ammesso la maggior parte del comportamento. Secondo lui, però, non si trattava di cattiva condotta, ma al massimo in qualche caso di comportamento trasgressivo. Secondo l’uomo, il licenziamento sarebbe stato una punizione fin troppo severa. La difesa avrebbe dovuto accontentarsi di un avvertimento.

READ  Crisi dell'azoto: le forze di difesa degli agricoltori avvertono di importanti azioni degli agricoltori

Rilasciato ieri pronuncia sembra che il Central Appeals Board (CRvB) non sia impressionato dalla sua difesa. Il supremo tribunale amministrativo riconosce che il licenziamento dopo 30 anni di servizio ha gravi conseguenze per l’uomo, ma ritiene il comportamento abbastanza grave da giustificare il licenziamento.

Non tornare

Il CRvB ha tenuto conto del fatto che esisteva una relazione gerarchica tra il supervisore del tirocinio e il tirocinante e una grande differenza di età. “Il fatto che il tirocinante non abbia informato il supervisore di essersi spinto troppo oltre e che il ministero della Difesa non sia intervenuto prima non esonera la sua responsabilità”, hanno affermato i giudici.

Ciò significa che il tutor non troverà il suo lavoro, né avrà diritto all’indennità di licenziamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *