La Corte di giustizia risponde alle questioni pregiudiziali sul periodo di trasferimento nelle cause Dublino in due sentenze

La Corte di giustizia risponde alle questioni pregiudiziali sul periodo di trasferimento nelle cause Dublino in due sentenze

Contesto: prima domanda di asilo altrove, poi nei Paesi Bassi

In quattro dei cinque casi, i cittadini stranieri avevano già presentato tale domanda in Italia e in Romania prima di recarsi nei Paesi Bassi e presentare lì domanda di asilo. Nel quinto caso, allo straniero è stato rilasciato un visto Schengen dalle autorità italiane. Secondo il Segretario di Stato, dal regolamento Dublino europeo risulta che non sono i Paesi Bassi, ma l’altro Stato membro dell’UE a essere responsabile del trattamento delle domande di asilo in tali casi. Per questo la Segreteria di Stato non ha esaminato le domande di asilo e ha chiesto a Italia e Romania di riprendere in carico i cittadini stranieri. Entrambi gli Stati membri dell’UE hanno dato il loro consenso e da quel momento in poi il Segretario di Stato ha sei mesi di tempo per trasferire gli stranieri nello Stato membro competente. Se il Segretario di Stato tarda a farlo, i Paesi Bassi saranno responsabili del trattamento dettagliato delle domande di asilo.

Il periodo di trasferimento è sospeso in caso di opposizione

Nel mese di maggio 2021 la sezione del contenzioso amministrativo ha posto quesiti pregiudiziali in tre cause. In questi casi, il problema era che i cittadini stranieri avevano nuovamente richiesto il permesso di soggiorno in Olanda, perché affermavano di essere stati vittime di tratta di esseri umani qui e/o in Italia. Il Segretario di Stato ha negato queste richieste. Gli stranieri si sono opposti. Il Segretario di Stato ha inserito nella sua politica la sospensione del periodo per il trasferimento di cittadini stranieri in un altro Stato membro in caso di opposizione a tale trasferimento. Una volta che si è pronunciato sulle obiezioni, il tempo ricomincia a scorrere. Secondo gli stranieri, la sospensione del periodo di trasferimento è contraria al regolamento Dublino. In tal caso, ciò significa che il periodo di trasferimento è già scaduto nei loro casi e non è l’Italia, ma i Paesi Bassi a essere responsabili del trattamento sostanziale delle loro domande di asilo. La Camera del contenzioso amministrativo ha chiesto alla Corte di giustizia lussemburghese se questa politica del Segretario di Stato sia contraria al regolamento Dublino. La Corte di giustizia ha risposto a tale questione in a giudizio oggi.

READ  MotoGP | Marquez in ospedale: chiusura terza operazione - Moto

Previo accordo del Segretario di Stato per sospendere il tempo di trasferimento

Nel settembre 2021, la Divisione per il contenzioso amministrativo ha posto questioni pregiudiziali in tre cause, una questione pregiudiziale era già stata proposta in una causa nel maggio 2021. La Divisione per il contenzioso amministrativo ha quindi chiesto alla Corte di giustizia di trattare congiuntamente i due ricorsi per pregiudiziali. In questi casi, gli stranieri avevano presentato ricorso al tribunale contro il rifiuto del Segretario di Stato di esaminare le loro domande. I tribunali si sono pronunciati a loro favore, dopodiché il Segretario di Stato ha presentato ricorso alla Divisione per le controversie amministrative. Il Segretario di Stato ha chiesto al giudice provvisorio della camera del contenzioso amministrativo di dichiarare che non deve prendere una nuova decisione sulle domande prima che la camera si sia pronunciata sull’appello e il periodo di trasferimento è sospeso ai sensi del regolamento Dublino. Il giudice di camera di consiglio ha concesso il provvedimento cautelare richiesto. Stranieri sostengono che questa prassi della camera del contenzioso amministrativo, in cui il suo giudice sommario sospende il periodo di trasferimento su richiesta del Segretario di Stato, è contraria al regolamento europeo Dublino. Poiché la Divisione non era certa che il regolamento Dublino vietasse tale pratica, ha comunque deferito la questione alla Corte di giustizia lussemburghese. Ha risposto alla domanda in uno secondo giudizio oggi.

Proseguimento del trattamento

Le risposte della Corte di Giustizia non hanno ancora estinto il procedimento dinanzi alla camera di contenzioso amministrativo. Ha sospeso il procedimento in attesa della risposta della Corte di Lussemburgo. Ora che la Corte Europea ha risposto alle questioni pregiudiziali, la Divisione Contenzioso Amministrativo continuerà a occuparsi di questi casi e prenderà poi decisioni definitive.

READ  Anche senza Mané, il Senegal ha abbastanza qualità: 'Koulibaly è un muro'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *