La domanda di patate italiane supera l’offerta

La domanda di patate italiane supera l’offerta

La richiesta di patate in Italia, soprattutto quelle a polpa gialla, è molto alta. I commercianti sono sorpresi dall’interesse straordinariamente alto. Di Pasquale, azienda del centro Italia, è costretta a limitare le quantità in uscita. Questa azienda abruzzese coltiva 4 varietà a circa 700 metri di altitudine.

“La domanda di patate italiane è molto alta, mentre l’offerta è limitata. Ciò è dovuto alle cattive condizioni meteorologiche durante la crescita. Il rendimento è sicuramente diminuito del 25%. Fino a metà gennaio, le vendite erano normali, ma ora vediamo un aumento degli ordini di oltre il 30%, quindi termineremo la nostra stagione delle vendite all’inizio di quest’anno ed entro il 20 marzo non avremo più prodotti”. afferma il titolare Giancarlo Di Pasquale.

“Siamo quotidianamente sommersi dalle chiamate dei grossisti di Firenze, Milano, Torino e Verona. Cerchiamo di soddisfare tutti i clienti limitando i volumi giornalieri in uscita. C’è un interesse particolare per la varietà Agria, una patata tondo-ovale dalla buccia irregolare e dal colore giallo intenso, ma stanno andando bene anche le varietà Laura e Viola. L’aumento degli ordini porta anche vantaggi occupazionali, poiché ora possiamo impiegare il personale in modo più continuo.

La prossima vendemmia è prevista per settembre. “Inizieremo a piantare la prima settimana di aprile, ma continueremo per tutto aprile e maggio. Abbiamo in programma di espandere la nostra superficie del 30% per fornire ai nostri partner commerciali su base più continuativa. Il nostro obiettivo, stiamo anche prendendo in considerazione clienti in altri Paesi europei, in quanto stiamo testando nuovi packaging che miglioreremo ulteriormente per la prossima stagione”, conclude l’imprenditore.

Per maggiori informazioni:
Patata d’Avezzano
Via Galeone, 28
67051 Avezzano (AQ) – Italia
Tel: +39 3382034414 – 3333645549
[email protected]
patatadiavezzano.com
facebook.com/patatadiavezzano

READ  "Avrei reso obbligatori i test per il prof. Riapertura obiettivo, ma i rischi restano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *