La Farmers Defence Force rinuncia alla repressione “in segno di buona volontà”

PAPÀ

Notizie ONS

L’associazione degli agricoltori Farmers Defense Force (FDF) non intraprenderà alcuna azione ferma in questo momento come segno di buona volontà nei confronti del governo, ha affermato il caposquadra Mark van den Oever. Secondo lui, il gruppo spera di indurre il governo a optare per altri piani per ridurre le emissioni di azoto.

La ragione per astenersi da azioni dure per ora è un nuovo piano per affrontare la crisi dell’azoto in modo alternativo. Gli iniziatori sono i professori emeriti Han Lindeboom e Johan Sanders, che gli agricoltori chiamano i “professori di azoto”. Fanno parte del Nitrogen Focus Group, una task force precedentemente associata a D66.

Il piano afferma, tra l’altro, che la riduzione dell’azoto è possibile anche senza ridurre il bestiame, riferisce il Telegrafo. In questo caso, i Paesi Bassi devono concentrarsi su nuove innovazioni come l’adattamento dell’alimentazione animale, secondo il piano.

Bandiere invertite

DFF continuerà ad appendere bandiere capovolte nelle proprie fattorie. Secondo Van den Oever, continueranno anche le azioni a favore del pubblico, come le proteste annunciate alla Vuelta, il round ciclistico spagnolo che si svolgerà in Olanda da venerdì a domenica.

Van den Oever ha detto la scorsa settimana che i Paesi Bassi dovevano prepararsi per le azioni più difficili che la sua organizzazione avesse mai intrapreso. Le sue dichiarazioni hanno seguito il prima conversazione organizzazioni agricole con il mediatore dell’azoto Johan Remkes.

Il caposquadra della Farmers Defense Force Mark van den Oever spiega perché la sua organizzazione si sta astenendo da un’azione dura per ora:

Ci saranno ulteriori colloqui con Remkes tra una settimana. Oggi è diventato chiaro che si uniranno anche rappresentanti della catena di supermercati Jumbo e dell’organizzazione di filiali Centraal Bureau Voedingshandel. Le altre parti presenti sono Rabobank, ABN AMRO, ING e Triodos.

Ci sono anche parti che hanno affermato di non voler partecipare alla conversazione. Nu.nl ha riferito ieri che l’azienda di mangimi per animali ForFarmers non stava partecipando. L’azienda ritiene che il governo dovrebbe prima parlare con i rappresentanti delle organizzazioni di agricoltori.

Anche il gigante lattiero-caseario Royal A-ware e l’azienda di mangimi per animali Royal de Heus non stanno rispondendo all’invito di Remkes, secondo Nu.nl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.