La grande esplosione a Beirut, in Libano

La grande esplosione a Beirut, in Libano

Martedì pomeriggio a Beirut, la capitale del Libano, si è verificata una grande esplosione nell’area portuale. Al momento le cause dell’esplosione non sono note e le notizie a riguardo sono ancora poche e confuse, ma molte persone hanno pubblicato video e foto sui social network che testimoniano la sua gravità. Di cui ha parlato il ministro libanese della salute Hamad Hasan «Un numero molto alto di feriti»; alcune fonti citate da Reuters parla di almeno 1o morto.

Secondo alcune fonti libanesi, finora non confermate, l’esplosione è avvenuta in un deposito di fuochi d’artificio; Abbas Ibrahim, direttore del dipartimento di sicurezza del Ministero degli Interni, ha parlato di un deposito di materiale esplosivo. I video diretti dal porto di Beirut mostrano dove si è verificata l’esplosione diversi incendi stanno ancora bruciando e che ci sono molti veicoli di emergenza sul posto.

I video mostrano che l’esplosione ha colpito anche un grande edificio bianco all’interno del porto, che secondo le informazioni disponibili online dovrebbe essere un deposito di grano. Secondo l’agenzia AFP l’esplosione avrebbe causato dozzine di feriti, ma al momento non sono state rilasciate stime precise. Alcune testimonianze parlano di ospedali già troppo pieni (o troppo danneggiati) per ricevere altri feriti.

L’esplosione è stata avvertita a diversi chilometri di distanza dal porto e sembra aver causato danni agli edifici entro un raggio di diverse centinaia di metri. Le foto e i video pubblicati sui social network mostrano strade coperte di detriti ed edifici con finestre infrante.

Prima dell’esplosione più violenta, per diversi minuti, una grande colonna di fumo si alzò dall’area del porto, probabilmente il motivo per cui dozzine di persone stavano filmando la scena con i loro telefoni cellulari da diverse parti della città, comprese le barche che passavano vicino al porto .

Secondo Al Arabiya e diversi testimoni sarebbero stati almeno due esplosioni, ma anche su questo non c’è molta chiarezza. BBC dice che la seconda esplosione sarebbe stata in un’altra zona della città, dove si trova la casa dell’ex primo ministro libanese Rafiq Hariri: Hariri è stato ucciso nel 2005 con un’autobomba e oggi dovrebbe essere arrivata la sentenza contro le quattro persone accusate della sua morte. I video che circolano sui social network mostrano il momento della più grande e fragorosa esplosione, quello nell’area portuale.

READ  Milan, Tonali è la vittoria di Maldini: acquisto strategico, Elliott si frega le mani | Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *