Il mercato dei trasferimenti della Juventus, "Dagospia" rivela: "Terremoto legato a Ronaldo"

Il mercato dei trasferimenti della Juventus, “Dagospia” rivela: “Terremoto legato a Ronaldo”

Cristiano Ronaldo, Juventus (Getty Images)

Un vero terremoto sta avvenendo alla Juventus. Da Sarri a Ronaldo passando per Paratici e Conte molti argomenti toccati da Riccardo Panzetta al CM.IT

Riccardo Panzetta, caporedattore della sezione sportiva di “Dagospia” è intervenuto durante il mercato diretto di Calciomercato.it concentrandosi soprattutto sugli ultimi a casa Juventus: “Il terremoto della Juve dura da molto tempo. Il tema è estremamente legato a Cristiano Ronaldo. L’acquisto di CR7 è un’operazione che ha guidato personalmente Agnelli ed è stato molto costoso. L’operazione non ha portato i benefici finanziari previsti, non a caso la Juve si ritrova con un debito di oltre 300 milioni alla fine del 2019. Il club sta pagando il prezzo e non ha raggiunto i risultati sportivi attesi da Cristiano Ronaldo. Dopo la fine del primo anno di CR7, la sua presenza dovrebbe richiedere un cambiamento rispetto a quanto fatto con Allegri e quindi Gilda e Nedved spingono a dare un buon benvenuto all’allenatore livornese, contro l’opinione di Agnelli, per lanciarsi su un allenatore “giocatore”. È arrivato a Sarri perché altri allenatori come Klopp e Guardiola erano lontani dalle possibilità della Juve. Il suo arrivo non ha portato i benefici previsti. È stata una scelta molto controproducente. La Juve ha già iniziato un giro di poltrone iniziato con Marco Re. Paratici ha già avuto conversazioni con club inglesi e gli piace anche Roma. Al suo posto potrebbe essere promosso il braccio destro. Da quello che sappiamo non c’erano contatti per un ritorno di Marotta alla Juve, prima di tutto per motivi contrattuali. A differenza di Conte, il manager è considerato un pilastro del progetto Inter. In questo momento un ritorno non è plausibile “. Per rimanere aggiornato con tutte le notizie relative al mondo del calcio CLICCA QUI

READ  "Poche sanzioni, Italia a rischio Quindi arriviamo a 4mila casi al giorno"

Il mercato dei trasferimenti della Juventus, dal futuro di Sarri a Conte

via Getty Images)

Panzetta passò quindi all’argomento caldo riguardante il futuro di Maurizio Spesso: “Alla fine della scorsa stagione Allegri è stato confermato, tranne per l’improvviso cambio di scenario. Se Sarri fosse eliminato da Lione, non credo che rimarrà in panchina. I suoi risultati sono in gran parte deludenti per Agnelli. Le ultime notizie su Ronaldo ci fanno annusare l’insoddisfazione della stessa CR7 verso Sarri. Anche il camerino della Juventus non riconosce nell’allenatore l’allenatore giusto per vincere in Europa. La sua conferma potrebbe invece essere un modo per dare tempo a Pirlo crescere prima o poi l’obiettivo è portarlo in panchina in bianco e nero “.

Sugli eredi: “Inzaghi A Torino piace ma soffre della sua scarsa esperienza internazionale. La Juve cambierà quasi sicuramente l’allenatore e sarà in grado di decidere se saltare su un allenatore non italiano come Pochettino Il Zidane o concentrarsi su prodotti interni come Pirlo. Allegri non si è chiuso piano e non è un caso se parliamo di lui per l’Inter. Conte è tornato nella squadra nazionale inviando messaggi d’amore a Gravina. Mancini ha minacciato di dimettersi se ha assunto Lippi. In questo contesto, Conte si era proposto in qualche modo. Se dovessi scommettere una fiche sulla panchina della Juventus non la metterei su Conte o Allegri “.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato, valzer degli autobus Da Sarri a Conte via Allegri

Conte ha scelto il suo nuovo team | Niente Juventus

READ  Playoff Serie B: lo Spezia in rimonta contro il Chievo e va in finale | notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *