La natura oggi |  Il tulipano che si è scatenato

La natura oggi | Il tulipano che si è scatenato

Il tulipano selvatico può generalmente riferirsi a un tulipano che cresce allo stato selvatico, ma è anche popolarmente il nome di Tulipa sylvestre† “Volevamo sapere chi è stato il primo Tulipa sylvestre ai giardini del Nord Europa, quando è successo e da dove sono arrivati ​​i primi tulipani selvatici”, afferma botanica Stefanaki. Per fare questo, lei e Van Andel hanno ricercato scritti botanici latini originali del XVI secolo, lavorando attraverso lettere personali, archivi, raccolte di illustrazioni di piante.

Status symbol

Per la ricerca sono stati ricercati molti documenti storici, come questa illustrazione del XVI secolo del tulipano selvaticoPer la ricerca sono stati ricercati molti documenti storici, come questa illustrazione del XVI secolo del tulipano selvatico. Il XVI secolo fu un “periodo d’oro” per la botanica. Le piante non erano più viste solo come fonti medicinali e nacque l’interesse per le piante ornamentali. Avere piante rare ed esotiche nel suo giardino era un segno di potere. Le piante venivano spesso portate come curiosità e doni preziosi a nobili e reali nella speranza di cercare nuovi legami o rafforzare i legami esistenti nei ranghi più alti.

In questo contesto, il tulipano era un fiore di impareggiabile bellezza per gli europei del XVI secolo, e tutti lo desideravano nel proprio giardino. Una volta nel Nord Europa, i tulipani iniziarono a circolare tra i botanici ei loro facoltosi amici giardinieri.

Il tulipano selvatico

“A differenza dei tulipani che abbiamo oggi nei nostri giardini, che provenivano da bulbi portati dall’impero ottomano, il tulipano selvatico proveniva dal Mediterraneo. Tulipa sylvestre che hanno raggiunto il nord Europa provenivano da Bologna nel nord Italia e da Montpellier nel sud della Francia”, ha detto Stefanaki a proposito dei risultati della loro ricerca.

READ  Covid, con il vaccino cinese CoronaVac, una robusta e rapida produzione di anticorpi

Durante la seconda metà del 16° secolo ci furono diverse introduzioni del tulipano selvatico nel Nord Europa, e furono coinvolti diversi famosi botanici. “Da lì il tulipano si è scatenato. La specie ha iniziato a fuggire dai giardini e ha prodotto una progenie laterale attraverso i suoi germogli, quindi attraverso una forma di riproduzione asessuata. Non tutte le specie vegetali hanno questa capacità di propagarsi vegetativamente”.

“Data l’origine di questi primi bulbi, ci siamo resi conto che esistono diverse sottospecie Tulipa sylvestre sono stati introdotti nel nord Europa”, osserva Stefanaki, “e quindi dobbiamo riconsiderare la suddivisione attualmente accettata di questa specie.” Questi risultati sottolineano l’importanza della storia botanica nella comprensione della complessa tassonomia delle piante ornamentali selvatiche un tempo utilizzate dall’uomo.

Grazie alla ricerca, c'è finalmente più chiarezza sull'origine del tulipano selvatico nei Paesi Bassi

Albero genealogico complesso

La seguente ricerca di Anastasia Stefanaki e Tinde van Andel si concentra sull’ulteriore esplorazione della tassonomia di Tulipa sylvestre† “Analizzeremo il DNA e la morfologia dei tulipani selvatici raccolti negli storici giardini olandesi e nelle popolazioni selvatiche in Europa, tra cui Italia e Francia, dove hanno avuto origine i primi bulbi”, afferma Stefanaki. “Vogliamo capire la complessa tassonomia di Tulipa sylvestrecosa che è stata a lungo controversa e scopri dove in Europa questo bellissimo tulipano selvatico cresce davvero allo stato brado”.

Maggiori informazioni

Testo: Joyce Andringa, Centro di Biodiversità Naturalis
Immagini: Stato di Martena; Centro per la Biodiversità Naturalis; Anastasia Stefanaki

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *