La polizia considera Inez Weski un intermediario tra Taghi e la mafia italiana

La polizia considera Inez Weski un intermediario tra Taghi e la mafia italiana

Taghi avrebbe depositato decine di milioni di euro presso il narcotrafficante italiano Raffaele Imperiale. Mentre Ridouan Taghi era detenuto nello stabilimento extra sicuro di Vught, la sua organizzazione avrebbe avuto bisogno di parte di questo denaro. “Ma per prelevare grosse somme serviva l’autorizzazione dello stesso Ridouan Taghi”, ha detto una fonte vicina all’inchiesta. “La polizia sta indagando, tra le altre cose, se Weski abbia avuto un ruolo in questa comunicazione”.

Durante il periodo in cui Ridouan Taghi era ancora in fuga, era diventato molto vicino a Raffaele Imperiale, secondo i casellari giudiziari olandesi e italiani. Entrambi si nascondevano a Dubai e presumibilmente avrebbero organizzato trasporti congiunti di cocaina da lì. I registri indicano anche che Imperial stava svolgendo un ruolo bancario per Taghi.

riciclaggio di denaro

Dopo l’arresto di Taghi il 16 dicembre 2019, suo figlio maggiore ha assunto la guida della sua organizzazione criminale, scrive la polizia in un procedimento penale. “In parte ancora sotto l’ala del padre, viene incaricato dal padre di gestire l’organizzazione in varie aree e organizzare le cose. Ciò include l’organizzazione di un focolaio o un tentativo di fuga di Ridouan Taghi , riciclaggio di denaro e traffico di droga.

Un importante avvocato in carcere

Con l’arresto di Inez Weski il 21 aprile, uno degli avvocati più importanti dei Paesi Bassi è in custodia cautelare. Ad esempio, Weski (68) ha precedentemente difeso l’ex presidente del Suriname Desi Bouterse con l’accusa di traffico di droga. Insieme al suo cliente Ridouan Taghi, è stata avvocato capo nel processo Marengo, che ruota attorno agli omicidi della malavita attribuiti all’organizzazione di Taghi.

READ  I super pezzi di Bokkensuper - Alphens.nl

Weski è sospettato di aver inviato messaggi tra Ridouan Taghi e la sua organizzazione. Se questo è vero deve ancora essere dimostrato. Dai documenti del caso che Het Parool ha rivelato oggi, si può concludere che Weski comunicava con riluttanza con i parenti del suo cliente. “Questo avvocato è semplicemente pazzo, mai e-mail o messaggi. Don’t Follow Fools”, sarà inviato l’8 maggio 2020. “E se le invii un’e-mail, lei si scherzerà”.

Il figlio di Taghi è stato sostenuto in questo dal collaudato spacciatore Imperial, secondo il procedimento penale: “Serve anche come fonte di informazioni per visto che Ridouan Taghi è detenuto.” Taghi junior avrebbe parlato con Imperiale dei piani epidemici di Taghi, dei trasporti di droga, ma anche dei trasferimenti di denaro.

Secondo i rapporti di Sky, la polizia italiana conclude che Imperiale e il figlio di Taghi hanno comunicato nel febbraio 2021 un bottino di 5 milioni di euro, RTL News e FTM avevano precedentemente rivelato. Imperiale ha fatto trasportare i biglietti su camion dall’Italia ai Paesi Bassi in vari trasporti. Ad esempio, Taghi junior ha confermato che un complice aveva organizzato una festa all’interno. “Ha preso il primo milione, grazie.”

Milioni di trasferimenti

La domanda è se l’avvocato di Taghi, Inez Weski, abbia avuto un ruolo in questi trasferimenti di milioni di dollari da Imperial a Taghi junior. Diverse fonti intorno al sondaggio dicono che sembra così. In particolare, poco dopo l’arresto di Taghi, Weski avrebbe trasmesso messaggi del suo assistito.

In un procedimento penale, la polizia parla di “una linea di comunicazione attraverso il suo avvocato Inez Weski”, che però non ha funzionato abbastanza velocemente per i gusti di Taghi. La famiglia di Taghi ha fornito a Weski un telefono con servizio di messaggistica Sky crittografato. Tuttavia, l’avvocato era molto restio a usare quel telefono, secondo i messaggi di Sky. Il figlio di Taghi avrebbe scritto di lui all’Imperial: “Al momento non c’è modo di comunicare con lei perché non vuole usare telefoni criptati.”

READ  Pitti Uomo si svolgerà nuovamente a giugno come un evento unico

“Imperial non dice nulla su Taghi”

Anche Raffaele Imperiale è stato arrestato a Dubai più di un anno e mezzo dopo Taghi ed estradato in Italia. Lì, lo spacciatore che faceva affari con i rami della mafia italiana Camorra e ‘Ndrangheta, ha concordato un accordo di testimonianza chiave. In cambio delle sue dichiarazioni, Imperial spera di evitare una possibile condanna all’ergastolo in isolamento rigoroso.

Tale processo del testimone della corona inizia con 180 giorni, durante i quali il sistema giudiziario verifica se il testimone della corona sta dicendo la verità. Questo periodo è ormai finito. Secondo una fonte vicina alle indagini imperiali, il narcotrafficante italiano era molto restio a rilasciare dichiarazioni su Ridouan Taghi e la sua famiglia. Si dice che l’italiano abbia paura che la sua famiglia venga ferita se lo fa.

Insoddisfatto, Ridouan Taghi ha poi nominato suo cugino Youssef T. suo “avvocato mediatico”, scrive la polizia. Ciò ha permesso a Youssef T. di fargli visita nella prigione EBI di Vught. “Da questa posizione, Youssef T. consente la prosecuzione delle attività criminali dell’organizzazione e svolge quindi un ruolo chiave in essa. Poiché tutte le forme di comunicazione da e verso Ridouan Taghi sono monitorate presso l’EBI, ad eccezione delle comunicazioni riservate, Ridouan Taghi e Youssef T. inosservati per discutere insieme questioni penali all’interno dell’EBI.”

Inez Weski è stata recentemente arrestata perché sospettata di appartenere a un’organizzazione criminale coinvolta nel traffico di droga e riciclaggio di denaro. Ha rinunciato al suo cliente Ridouan Taghi. L’avvocato Youssef T. è stato condannato a 5 anni e mezzo di carcere per lo stesso motivo il 23 gennaio di quest’anno. In questo caso è indagato il primogenito di Taghi, ma la Procura non ha avviato alcun procedimento.

READ  Honda promette alla Red Bull: "Problemi risolti per la prossima gara"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *