questo è ciò che gli utenti pensano di loro

questo è ciò che gli utenti pensano di loro

La Nissan Leaf di seconda generazione non solo ha una batteria più grande, ma anche la potenza del motore è stata aumentata da 109 a 150 CV. Una dimensione importante, il passo, è rimasto lo stesso a 2,70 metri. Questo è uno degli indicatori che mostra che il secondo Leaf non è nuovo da zero. Nonostante ciò, la seconda generazione è un discreto successo. I dati di vendita mostrano che Nissan Netherlands ha già venduto più Leaf nel 2018 rispetto ai sette anni precedenti.

Test di resistenza dell'auto elettrica Nissan Leaf + AutoWeek EV

Facilità d’uso e spazio

Cominciamo con cose universali come la facilità d’uso e la disponibilità di spazio. La Foglia segna già punti su questo punto. “L’offerta di spazio è enorme, o almeno ha superato di gran lunga le mie aspettative. Spazio più che sufficiente per la nostra famiglia con 3 bambini e i loro bagagli. Anche sul sedile posteriore”, scrive il pilota commerciale di una Leaf 2.Zero Tekna del 2018. È supportato dal pilota successivo, che ha scelto molto consapevolmente la sua Leaf. “Per quanto mi riguarda, la Nissan Leaf è l’auto elettrica familiare perfetta. Poiché il bagagliaio è molto spazioso, puoi sederti comodamente anche sul sedile posteriore e c’è abbastanza spazio per le gambe.

Anche il trasloco sta andando bene, ha detto un autista di noleggio privato: “Durante il trasloco, ho scoperto che una sorprendente quantità di spazio si adatta alla Leaf. Il sedile posteriore ripiegato è alto rispetto al bagagliaio e non può essere semplicemente rimosso. Rimuovendo i poggiatesta dai sedili anteriori e posteriori destri, il sedile anteriore può essere completamente appiattito e possono essere sistemati oggetti lunghi.

Nissan Leaf 2022

Siediti nel lenzuolo

I sedili e la posizione seduta interferiscono meno. “Nonostante la mia altezza media (1,81 metri), lo schienale è troppo corto e il poggiatesta è troppo inclinato in avanti. Conseguenza: collo e mal di testa” scrive un autista, per proseguire: “Il bracciolo è troppo indietro e troppo alto, quindi colpisci esattamente con la punta del gomito. Un altro indica un altro difetto. “Il volante ha una regolazione limitata. Ci si abitua, ma non molto bene con la mia altezza.

READ  I saldi di Bitcoin degli scambi stanno diminuendo a un ritmo rapido » Crypto Insider

Questa irritazione è avvertita anche dal seguente pilota Leaf: “I sedili sono morbidi, ma ti mancano buone possibilità di regolazione. Puoi a malapena regolare il sedile, non è possibile regolare l’angolo di reclinazione, non c’è supporto lombare regolabile e i sedili sono piuttosto corti. Vorresti migliorare la posizione seduta regolando il volante…” In effetti, come detto prima, puoi farlo solo su e giù. Infine, un guidatore più alto sottolinea un punto di attenzione: “Con 1,93 metri, lo specchietto interno è solo un po’ fastidioso. Vorrei spostarlo un po’ più in là sul tetto, ma non ho ancora trovato una soluzione. Dice anche che vorrebbe avere la regolazione elettrica del sedile con posizioni memorizzate, ma ciò non è possibile con le versioni olandesi.

Nissan Leaf - Specchio

In che modo i proprietari sperimentano la gestione?

Finora, i proprietari hanno escogitato alcuni punti di attenzione. La Leaf compensa molto con la guida, il seguente commento degli utenti è approvato da molti proprietari: “La Leaf mi permette di guidare in modo rilassato. Penso che il telaio sia un buon mix di comfort e sportività, in parte grazie al baricentro basso, l’auto è molto stabile su strada e si riesce a sterzare velocemente in curva. Inoltre, a causa dell’assenza di un motore a benzina, l’auto è piacevole e silenziosa, il che contribuisce alla sensazione di comfort.

Con la Leaf di seconda generazione, Nissan ha introdotto “e-Pedal”, che rallenta la Leaf fino a fermarsi quando l’utente rilascia il pedale dell’acceleratore. Questo proprietario pensa: “La cosiddetta ‘frenata rigenerativa’ è presente su molte auto elettriche, ma Nissan ha fatto un ulteriore passo avanti. Se togli il piede dal pedale della potenza, l’auto non solo frena bruscamente, ma si ferma completamente e attiva anche il freno fisico. Ci vogliono dieci minuti per abituarsi a questo modo di guidare, dopodiché non si disattiva più questa opzione. Buono anche per i consumi e un’esperienza di guida molto piacevole.

READ  Pacchetto termico, budget del corso o compenso aggiuntivo: i datori di lavoro vogliono remunerare il personale

Bello anche il ProPilot+, il sistema di assistenza alla guida semi-autonomo di Nissan che ha debuttato sulla Leaf. Questo sistema è – se funziona – molto apprezzato. Ad esempio, un proprietario osserva che il sistema non può essere attivato su molte strade provinciali.

Germania Leaf auto elettrica ricarica in carica

Autonomia e ricarica (rapida)

Non puoi ignorarlo con un’auto elettrica: l’autonomia. Fu allora che diversi conducenti Leaf espressero il loro disappunto, come il prossimo proprietario per la sua Leaf da 40 kWh. “Consumo di carburante notevolmente elevato, autonomia media nell’uso quotidiano: 90-130 km (specifiche del produttore: 380 km NEDC). Se sei pronto a guidare a una velocità massima di 90-100 km/h in autostrada, un’autonomia di circa Sono possibili da 170 a 190 km, quindi indica un secondo inconveniente: “La batteria non si raffredda! Una volta ho notato che il caricabatterie rapido non voleva iniziare a ricaricarsi perché la mia batteria era troppo calda”.

Si potrebbe dire che questo guidatore ha uno stile di guida eccessivamente sportivo, ma anche un guidatore calmo incontra dei limiti. “L’autonomia basata sul WLTP è di 270 chilometri, ma onestamente non ho idea di come dovrebbe essere fattibile. In pratica non ho mai percorso più di 200 chilometri reali con una carica e di certo non sono un ripper”. Un altro condivide la sua esperienza con le corse invernali: “Il consumo in inverno è un po’ più alto. Mi aspettavo di avere circa 180 km di autonomia con miglia per lo più in autostrada, ma non riesco ad arrivarci. Percorro in media 165 chilometri.

Problemi di ricarica rapida

Per quanto riguarda la ricarica rapida, diversi proprietari riferiscono di soffrire di “Rapidgate”. Questo fenomeno indica una diminuzione della velocità di ricarica se la ricarica rapida viene utilizzata più volte nella stessa giornata. “Le prime due ricariche erano ancora in media vicine ai 40kW, ma in seguito la batteria si è surriscaldata così tanto che la velocità è scesa sotto i 15kW”, scrive un proprietario che ha guidato la sua Leaf da 40kWh in Francia. “Ecco perché abbiamo accorciato le ultime fasi in modo che le pause di ricarica non siano troppo lunghe.”

READ  I clienti del picnic tornano da una fiera del freddo: il super non consegna pizza e gelato da un po' | ADESSO

Inoltre, diversi proprietari indicano che avrebbero preferito un caricabatterie trifase a bordo. La ricarica a casa richiede più tempo del previsto con il caricabatterie monofase. Un proprietario voleva che la sua auto fosse adattata per la ricarica trifase da parte di terzi, ma non ha ricevuto risposta e alla fine ha optato per un altro veicolo elettrico. Un punto positivo: l’autonomia e la lentezza del carico sono le maggiori carenze tecniche, anche la tecnologia utilizzata da Nissan sembra abbastanza affidabile.

due flussi

Guardando le recensioni degli utenti, ci sono due flussi Leaf runner. Uno è guidato principalmente dal basso costo – compreso il conto – ed è onesto al riguardo, l’altro fa una scelta basata su considerazioni più idealistiche. Entrambi i tipi di utenti apprezzano le caratteristiche di guida della loro Leaf, ma l’auto non è all’altezza in termini di autonomia e ricarica per il primo gruppo di utenti. L’offerta di spazio è valutata all’unanimità positiva, mentre la regolazione del sedile e del volante riceve recensioni per lo più negative.

Rivela che Nissan ha fatto troppo affidamento sulle qualità del modello 2010 con la seconda generazione di Leaf, mentre la concorrenza non è rimasta ferma. Nemmeno la stessa Nissan, perché con l’Ariya notevolmente più grande – e completamente nuova – stanno ancora una volta cercando di convincere i conducenti elettrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *