La principessa Amalia studierà all’UvA, dal vivo ad Amsterdam da settembre |  Interno

La principessa Amalia studierà all’UvA, dal vivo ad Amsterdam da settembre | Interno

Da settembre Amalia vive ad Amsterdam, dove viene affittata una casa con i compagni di classe. “L’ufficio della principessa è considerato privato”, specifica anche l’RVD.

Amalia ha alluso al suo interesse per l’economia, la storia e il diritto nel libro scritto da Claudia de Breij su di lei. La principessa ha menzionato le relazioni internazionali come un’opzione interessante nel libro. A scuola, aveva partecipato a un Modello delle Nazioni Unite frequentato da studenti di tutto il mondo. Ma a diciassette anni, già filosofeggia di economia. Il denaro non sarebbe fine a se stesso per Amalia, ma vorrebbe capire.

Tirocinio

L’intenzione era che durante il suo attuale anno sabbatico facesse uno stage in grandi aziende internazionali, ad esempio in America. Non sappiamo se ha avuto successo. Amalia è stata avvistata a New York negli ultimi mesi.

In ogni caso, seguire le orme del padre in fatto di studi non è un obiettivo in sé, disse la principessa. Sarebbe andata solo a Leida e si sarebbe unita alla stessa associazione studentesca di suo padre “perché lo voglio davvero e non per tradizione”.

Per inciso, la principessa stava già considerando che i suoi giorni da studente non si sarebbero svolti solo all’interno dei confini nazionali. Vorrebbe ottenere il diploma di maturità nei Paesi Bassi. Ma ci sarebbero voluti anche anni di studio all’estero, forse per condurre una vita un po’ più riservata che nel paese dove un giorno sarebbe diventata regina. Il master quindi non deve essere ottenuto nei Paesi Bassi.

Rompere con i predecessori

Con la scelta per Amsterdam, la principessa ereditaria rompe con i suoi predecessori. Il padre di Amalia, Willem-Alexander, ha completato il suo Baccalaureato Internazionale in Galles nel 1985. Ha poi svolto il servizio militare in marina. Successivamente, l’allora principe ereditario andò a studiare storia a Leida, dove divenne anche membro dell’associazione studentesca Minerva.

READ  Eva Jinek si è sentita impotente dopo le dichiarazioni di Today Inside

Anche la nonna di Amalia, Beatrix, ha studiato a Leida, dove ha conseguito la laurea in giurisprudenza nel 1959. Due anni dopo, ha conseguito il master in giurisprudenza, che consisteva in una combinazione di vari filoni di studi.

La madre di Amalia, Máxima, ha conseguito la laurea presso la Northlands School in Argentina e ha proseguito gli studi in economia presso l’Università Cattolica nel suo paese natale, laureandosi nel 1995.

L’Università di Leiden augura buona fortuna ad Amalia

L’Università di Leiden “si congratula calorosamente con l’UvA” per la decisione della principessa Amalia di studiare ad Amsterdam. Secondo la portavoce Caroline van Overbeeke, Amalia ha scelto “un buon studio”, “in un’università olandese”. L’università non commenterebbe il fatto che la principessa con la sua scelta stia rompendo una lunga tradizione di famiglia.

Preses Ole van Betten di LSV Minerva si dice “sorpreso” dalla decisione della principessa Amalia. Aveva, disse, “già iniziato a capire” come la società avrebbe dovuto organizzare la sicurezza della principessa se fosse venuta a Leida. “C’è qualcosa.”

Non è necessario ora ed è così tranquillo. Van Betten si congratula con Amalia per la sua scelta. “Certo che non è la scelta giusta”, dice strizzando l’occhio, “ma questo vale per tutti coloro che non vengono a Leida”.

Si è già detto su Twitter che la scelta di Amalia è ‘dolorosa per Leiden’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *