La roccia spaziale potenzialmente pericolosa di Itokawa si rivela molto difficile da distruggere (ma una bomba atomica può offrire conforto)

La roccia spaziale potenzialmente pericolosa di Itokawa si rivela molto difficile da distruggere (ma una bomba atomica può offrire conforto)

La roccia spaziale potenzialmente pericolosa di Itokawa si rivela molto difficile da distruggere (ma una bomba atomica può offrire conforto)

Un’analisi di tre particelle di polvere di Itokawa rivela che non è la roccia spaziale con cui discutere.

Questo è ciò che dicono i ricercatori sulla rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze. Come notato, si basano su un’analisi delle particelle di polvere di Itokawa. Le particelle di polvere sono state raccolte dal veicolo spaziale Hayabusa 1, che ha visitato e campionato la roccia spaziale lunga 500 metri nel 2005 e ha restituito il materiale raccolto sulla Terra nel 2010.

roccia spaziale molto antica
La ricerca sulle particelle di polvere è giunta a una conclusione affascinante, afferma il ricercatore Fred Jourdan Scientias.nl. “La maggior parte dei modelli prevede che un asteroide di dimensioni da poche centinaia di metri a pochi chilometri potrebbe sopravvivere per alcune centinaia di milioni di anni nella fascia degli asteroidi. Ma Itokawa è sopravvissuto per oltre 4,2 miliardi di anni. È molto più lungo del previsto. »

Le particelle di polvere non solo consentono a Jourdan e ai suoi colleghi di uscire con Itokawa; Grazie alla polvere, i ricercatori possono anche ottenere un’immagine del corso della vita dell’asteroide. “In primo luogo, la mineralogia delle particelle di polvere rivela che provengono dalle profondità di un asteroide genitore distante almeno 20 chilometri e che a un certo punto è stato distrutto”, afferma Jourdan. Alcuni dei detriti si sono poi raggruppati insieme e hanno formato – almeno 4,2 miliardi di anni fa – Itokawa.

Disturbo
Il risultato è un asteroide che non è – come l’asteroide genitore che era una volta – fatto di un unico pezzo di roccia, ma costituito da frammenti sciolti. “Itokawa è uno degli asteroidi del caos”, spiega Jourdan. “Il che significa che consiste quasi interamente di massi e pietre sciolte.” E tra tutte queste rocce e pietre troviamo molti spazi vuoti. “Quasi la metà di Itokawa è spazio vuoto”, dice persino Jourdan.

READ  Perché spesso abbiamo un'opinione così negativa di noi stessi? † Storie dietro le notizie

Cuscino
Potrebbe non sembrare un asteroide indistruttibile, ma lo è. “Itokawa è come un cuscino gigante nello spazio”, afferma Jourdan. “I cuscini sono morbidi perché molta aria è intrappolata tra l’imbottitura. E questo li rende anche buoni ammortizzatori. Lo stesso vale per un asteroide disordinato; sono anche buoni ammortizzatori. E questo li rende particolarmente difficili da distruggere. , come evidenziato dal fatto che Itokawa è ancora forte dopo 4,2 miliardi di anni.

Protezione planetaria
La ricerca non solo fornisce una visione più approfondita della storia movimentata di Itokawa, ma ha anche importanti implicazioni per il futuro. Ad esempio, per quanto riguarda la protezione della terra dalle rocce spaziali che potrebbero schiantarsi contro la terra. Sebbene Itokawa sia ufficialmente classificato come “roccia spaziale potenzialmente pericolosa” a causa delle sue dimensioni e della sua orbita, non abbiamo nulla da temere in questo momento e quindi non abbiamo l’ambizione di distruggere questo asteroide. Ma a giudicare dalle ultime scoperte, sembra essere diventato molto più plausibile che se una roccia spaziale viene scoperta in rotta di collisione con la Terra, sarà difficile da distruggere, come Itokawa, afferma il ricercatore Nick Timmes. “Volevamo sapere se gli asteroidi disordinati possono resistere agli urti o frantumarsi al minimo tocco. Ora che abbiamo scoperto che possono sopravvivere quasi finché esiste il sistema solare, devono anche essere molto più abbondanti nella fascia terrestre. di quanto pensassimo, quindi c’è anche una maggiore possibilità che se un grosso asteroide si sta dirigendo verso la Terra, sarà un disastro, un planetoide.

DARDO
Sembra una pessima notizia. “L’implicazione principale di questa ricerca è che gli asteroidi pasticci sono molto resistenti ai bombardamenti”, ha detto Jourdan. Ma se non riusciamo a fermare questi asteroidi in quel modo, come possiamo evitare un impatto quando una tale roccia spaziale si sta dirigendo verso la Terra? I ricercatori hanno idee su questo. Infatti; di recente hanno avuto una di queste idee al Missione DART già provato! Durante questa missione, una piccola astronave si è schiantata contro la Dimorphos Space Stone, non per distruggerla, ma per alterarne la traiettoria. “Ed è stato un grande successo! disse Jourdan. “Ha dimostrato che potremmo spingere asteroidi disordinati facendo schiantare contro di loro un veicolo spaziale”. Tuttavia, l’approccio ha uno svantaggio. “Questo ci costringe a rilevare gli asteroidi pericolosi molto presto.” La spinta che possiamo dare loro per mezzo di un’astronave che colpisce duramente è solo piccola. E quindi anche l’effetto sulla traiettoria dell’oggetto a breve termine è piccolo. L’approccio quindi non funziona se una roccia spaziale sta per colpire la terra. “Ma se iniziamo a spingere l’asteroide tre anni prima che colpisca la Terra, per esempio, non ci sono problemi. Le sonde spaziali simili a DART possono farlo.

READ  Creare un ambiente di lavoro sano? Quindi segui questi suggerimenti

Bomba nucleare
Ma cosa succede se non abbiamo molto tempo adesso? Ovviamente Jourdan e i suoi colleghi ci hanno pensato sulla base delle loro scoperte e pensano di avere un piano. “Quello che suggeriamo nel nostro studio è che dovremmo esplorare la possibilità di far esplodere una bomba nucleare molto vicino all’asteroide”. L’onda d’urto potrebbe quindi – molto più forte, diciamo, degli impatti simili a DART – cambiare il corso dell’asteroide. “E il fatto che la roccia spaziale sia resistente alla distruzione funzionerebbe a nostro favore in questo caso, perché la roccia spaziale non viene distrutta. Dopotutto, anche distruggere un asteroide vicino alla Terra non è pratico, perché allora tutti i detriti cadrebbero sulla Terra e hanno un effetto distruttivo quasi paragonabile all’effetto di un impatto.

Può sembrare la sceneggiatura di Armageddon, ma c’è una differenza fondamentale. “È importante sottolineare che la bomba non esploderà all’interno dell’asteroide”, ha detto Jourdan. “Perché questo probabilmente lo disintegrerebbe almeno in parte. Invece, la bomba dovrebbe esplodere vicino alla superficie. Inoltre, è anche importante testare prima queste cose, proprio come abbiamo fatto con DART, in modo da essere anche sicuri che funzioni come previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *