La Russia sanzionata potrebbe andare in bancarotta entro un mese

La Russia sanzionata potrebbe andare in bancarotta entro un mese

La Russia oggi deve pagare circa 107 milioni di euro di interessi. Una cifra modesta, ma le sanzioni impediscono alla Russia di adempiere ai propri obblighi finanziari. Pertanto, potrebbe portare al fallimento della Russia.

Si tratta di titoli di Stato da due dollari emessi dalla Russia nel 2013. Gli interessi devono quindi essere pagati anche in dollari, ma questo è praticamente impossibile a causa delle sanzioni internazionali. A causa della guerra in Ucraina, la Russia non può più ottenere dollari ed euro.

E se la Russia non effettua il pagamento?

L’anno scorso il debito pubblico russo era di circa 61 miliardi di euro, di cui 19 miliardi di euro in valuta estera. Il paese aveva un debito estero relativamente basso (4%) rispetto al prodotto interno lordo.

Se la Russia non paga gli interessi, avrà altri 30 giorni prima di essere considerata inadempiente. “Non è una cifra mega e il pagamento non dovrebbe essere un problema per la Russia. Il Paese ha una riserva di 600 miliardi di dollari, ma a causa delle sanzioni non riescono a raggiungerla”, afferma Stefan Koopman, analista di Rabobank.

Da un punto di vista economico, un possibile default è meno grave per l’economia russa rispetto alle sanzioni imposte, spiega Jeroen van den Broek, fixed income strategist di ING. “L’accesso ai mercati dei capitali sarà limitato per la Russia, il che renderà più difficile la ripresa. Ma le conseguenze e gli effetti delle sanzioni sono maggiori”.

Se la Russia fallisce, il paese può sempre cercare di prendere in prestito denaro o rivolgersi al Fondo monetario internazionale (FMI) per ottenere supporto con i soldi raccolti dai suoi membri. Resta da vedere se anche la Russia riceverà denaro dal programma di ristrutturazione del FMI.

READ  Bandiera frisone a mezz'asta a Groningen dopo la partenza dell'insegnante frisone a tempo pieno

Perché non in rubli?

La Russia probabilmente effettuerà il rimborso in rubli, ma i contratti spesso affermano che ciò non è consentito. “Come obbligazionista, non sei soddisfatto dei rubli. Oppure devi fare trading, ma subirai comunque una perdita”, afferma Jos Versteeg, analista azionario di InsingerGilissen.

Inoltre, il rublo è caduto dall’inizio di quest’anno. Koopman: “Gli investitori non hanno investito in titoli di stato che non sono in rubli per niente. Volevano la garanzia di una valuta forte”.

Ma se la Russia lo converte in rubli, ora devi affrontare una perdita di valore di circa il 30%. E non sarai ricompensato per questo dal governo russo”, afferma Koopman.

Il corso della valuta russa:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *