La serie W come trampolino di lancio verso la Formula 1, ma quando sarà di nuovo?

Ma poteva anche correre. Ha battuto gli uomini e si è quasi assicurata un posto in Formula 1 nel 1973. Proprio mentre Engeman stava negoziando il suo debutto nella classe regina, rimase incinta.

“Sì, non era l’intenzione. È stato un piccolo errore. Vorrei non essere rimasta incinta, perché mi sarebbe piaciuto vincere quel contratto”, ha detto Engeman nel 2017 in Altre volte Sport

faretti

Ora tocca all’attuale generazione di guidatori donne fare in modo che ciò accada. Il pilota olandese Beitske Visser guida la serie W dal 2019, la prima stagione. È seconda dietro al britannico Jamie Chadwick, ancora una volta leader della classifica.

Nonostante le critiche alla classe separata femminile, le olandesi sono da tempo contente che la serie W sia sempre più sotto i riflettori. “Molti piloti che sono qui sulla griglia non avrebbero corso affatto senza questo campionato”, afferma Visser.

“È solo un dato di fatto che ci sono molte meno donne che uomini negli sport automobilistici e di kart. Meno ragazze iniziano in giovane età. E in questo modo possiamo dimostrare che anche le donne possono farlo”.

Dai un’occhiata al rapporto sullo sviluppo della serie W di seguito.

READ  "Decisamente meglio di te". Poi "salutame a soreta" - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.