La soluzione robotica per la carenza di personale sanitario?  “L’idea è sopravvalutata”

La soluzione robotica per la carenza di personale sanitario? “L’idea è sopravvalutata”

Con l’ulteriore carenza di personale nel settore sanitario, le speranze sono ora riposte sull’innovazione: la tecnologia e i robot potrebbero potenzialmente sostituire più di 100.000 lavoratori, secondo un recente studio.

Nella struttura sanitaria Profila di Rotterdam, soffrono anche l’elevata pressione del lavoro e la mancanza di personale. Ma il lavoro è alleggerito un po’ dal social robot Sara. Resident Adri è molto affezionato al robot. Non riesce a guardare i video del treno a vapore abbastanza spesso. “Treni e ginnastica” dice entusiasta.

Oltre allo streaming di video e canzoni, il robot offre anche un programma di ginnastica, con il quale aiuta i residenti a muoversi. E con l’aiuto dei sensori, il robot può aiutare con il lavoro notturno. “Il sensore del letto dice a Sara che qualcuno si sta agitando, poi lei dice, ehi, è ancora notte, sono solo le 2 in punto. Torna a dormire. Questo dà all’addetto alla notte un po’ più di tempo per visitare un cliente”, dice Maartje Claassen di Sara Robotica.

Sopravvalutato

Le aspettative nei confronti dei robot nel mondo della salute sono quindi elevate. Indagine commissionato dal settore tecnologico, promette che la tecnologia e i robot potranno salvare 110.000 operatori sanitari nei prossimi anni. Anche il ministro dell’assistenza a lungo termine Conny Helder è fiducioso.

Ma il professor David Abbink dell'”interazione tattile uomo-robot” della TU Delft sta attenuando le aspettative. “L’idea che i robot possano essere una soluzione rapida per la carenza di manodopera è esagerata. È una sfida complessa”. Secondo Abbink, la ricerca ignora troppo rapidamente gli effetti dei robot e di altri sviluppi tecnologici sul posto di lavoro.

READ  FCA e PSA rivedono l'accordo, maxi dividendo in contanti e asset

Tuttavia, il robot Sara viene presentato dal settore come un concetto promettente, sebbene solo 26 di loro siano in funzione nei Paesi Bassi. Ci sono diversi motivi per cui non ci sono più Sara in viaggio. “È qualcosa per includere un robot nel lavoro. E poi i soldi. Devi essere in grado di dimostrare di portare un valore aggiunto. Un processo abbastanza complesso”, ha detto Classen.

Effetto sui dipendenti

A lungo termine, il robot di cura Rose dovrebbe offrire un aiuto pratico e persino iniziare a lavorare come badante. Questa interazione con il complesso ambiente di cura è difficile da programmare. L’intenzione è che Rose possa prendere una tazza di caffè o cucinare lei stessa il pranzo.

Il professor Abbink riconosce che alcuni successi sono già stati raggiunti, in particolare nell’area dei “robot sociali” come Sara. Ma scopre anche che l’uso dei robot non ha sempre un effetto positivo. “A volte un robot può assumere parte del lavoro, ma può comunque avere un impatto negativo non intenzionale sui dipendenti”.

Illustra questo effetto sui dipendenti con un noto esempio dell’industria manifatturiera. “Là, i dipendenti hanno dovuto fare lunghi viaggi per ottenere le parti di cui avevano bisogno per il loro lavoro. Ci è voluto molto tempo. È stato sviluppato un carrello robotico per occuparsi del lavoro per loro. Ideale, si potrebbe dire. Ma indovina un po’: i dipendenti hanno perso la soddisfazione sul lavoro. Durante le marce si sono verificati contatti sociali e sono emerse idee. Un robot che ha lavorato sulla carta si è rivelato letale per la creatività e l’innovazione”.

READ  Gündoğan, squalificato parlamentare Volt: "Non so di cosa mi accusano"

Se presto i robot potranno fare tutto, dobbiamo proprio volerlo? Questo video distopico è stato realizzato anni fa per protestare contro il crollo dell’assistenza agli anziani.

Un robot per lavatrice per anziani non è una cattiva idea, afferma Margo van Kemenade. Ha conseguito il dottorato sulle obiezioni etiche alla cura dei robot. Non pensa che sia spaventoso. “Gli operatori sanitari dicono che non lo faremo, perché le persone sono vulnerabili e anziane. Qualcuno deve essere coinvolto. Ma gli anziani devono ancora essere lavati”.

Abbink sostiene una mentalità diversa. “Abbandona l’idea di sostituire i dipendenti e lavora su robot che supportano davvero le persone. Il controllo spetta agli esseri umani e il robot si adatta e impara con loro”.

Guarda un esempio di regolazione automatica qui: l’uomo determina il ritmo ei movimenti, ma il robot fornisce la potenza. Si completano a vicenda. Se l’uomo migliora nel suo lavoro e si sviluppa, il robot si unisce a lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *