La Svezia a caccia di vittorie record nella finale dell’Eurovision

La Svezia a caccia di vittorie record nella finale dell’Eurovision

La cantante svedese Loreen, già vincitrice nel 2012 con l’emblematico brano Euphoria, è da settimane la beniamina dei bookmaker con il brano Tattoo. Se vince, assicurerà la settima vittoria della Svezia nella storia dell’Eurovision Song Contest. Questo pone il paese al livello del detentore del record Irlanda.

Secondo gli uffici scommesse, la Finlandia è il principale sfidante. Käärijä partecipa all’emozionante Cha Cha Cha e può diventare il secondo vincitore finlandese dopo Lordi nel 2016. Uno dei suoi quattro ballerini viene dai Paesi Bassi: Jesse Wijnans, 32 anni.

Wijnans sta ricevendo molta attenzione dalla stampa olandese ora che ha raggiunto la finale con la partecipazione della Finlandia. “Non ho mai sentito tutta quell’attenzione come ballerina, quindi è tutto molto speciale e nuovo per me”, dice Wijnans. È abituato a essere ritirato.

“Il che è anche un bene, dopotutto, è il mio lavoro. Ma ora improvvisamente faccio molte interviste. Mi piace molto che i Paesi Bassi la prendano in quel modo e mi sento molto supportato, anche se ballo per la Finlandia”.

Giurie professionali

Nelle due semifinali, la scorsa settimana sono stati eliminati undici atti, tra cui Mia Nicolai e Dion Cooper per conto dei Paesi Bassi. Il risultato di stasera è già stabilito a metà. Le giurie professionali dei paesi partecipanti hanno già determinato ieri sera la loro distribuzione dei punti sulla base della cosiddetta seconda prova generale, la prova generale. Questi voti contano per il 50%.

I milioni di telespettatori determinano l’altra metà del risultato durante la diretta. Per la prima volta, il mondo intero può votare.

READ  Tre condannati per l'omicidio del rapper XXXTentacion

Lo spettacolo presenta le apparizioni del vincitore ucraino Kalush Orchestra dello scorso anno e del britannico Sam Ryder. È arrivato secondo nel 2022 e si esibirà a Liverpool con il batterista dei Queen Roger Taylor. Come The Liverpool Songbook, Duncan Laurence, Mahmood, Netta, Daði Freyr, Cornelia Jakobs e Sonia cantano un medley di canzoni che significano molto per la città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *