Gli amici prendono provvedimenti dopo due suicidi nello stesso gruppo: “Basta così” |  instagram

Gli amici prendono provvedimenti dopo due suicidi nello stesso gruppo: “Basta così” | instagram

Il gruppo affiatato di amici di Tim Zuidberg è stato sorpreso due volte da notizie estremamente tristi. Anche se le cose sembravano andare bene per il mondo esterno, due amici della sua band non vedevano via d’uscita negli ultimi anni. Insieme ai suoi amici, Tim ha ora avviato una fondazione per rendere la salute mentale dei giovani adulti un argomento di discussione. “Vogliamo che diventi normale esprimere i propri sentimenti, è coraggioso.”


Il miglior social / Flore Hoogendoorn


Ultimo aggiornamento:
23/05/12, 21:31

La scorsa settimana, Tim ha condiviso la commovente storia su LinkedIn, dove è già stata condivisa centinaia di volte. Da allora, è stato inondato di messaggi affettuosi.

“Siamo sopraffatti da tutta l’attenzione e l’aiuto che ci viene offerto. Ho ricevuto molte risposte da persone che hanno vissuto la stessa cosa. Questo sottolinea solo per me che questa fondazione è importante e che non ci possono essere abbastanza iniziative come questa.

Puoi parlare di pensieri suicidi in modo anonimo: chatta tramite 113.nl, chiama il 113 o chiama gratuitamente lo 0800-0113.

Tim ha incontrato i suoi amici a Leida nel 2012. È diventato un gruppo di amici “come li vedi spesso”. Hanno formato un collettivo affiatato con sette ragazzi, fino a quando non sono rimasti scioccati nel 2016 dalla notizia della morte di Ian. L’anno scorso è successa la stessa cosa al loro amico Martin. “Dopo la morte di Ian ci siamo avvicinati, ma anche in un gruppo affiatato di amici, è ancora apparentemente difficile condividere cose del genere”, dice Tim. “Ma le situazioni erano le stesse: dall’esterno non ti accorgevi che le cose non andavano bene”.

Davvero qualcosa da fare

READ  Elon Musk fissa la data per la prima spedizione

Dopo che anche Martin si è tolto la vita, la tristezza e la sconfitta sono state così grandi che i ragazzi hanno pensato che fosse giunto il momento di agire, dice Tim. “Il fatto che ciò accada una seconda volta lo ha reso ancora più doloroso. Poi abbiamo detto: ora è il momento di fare qualcosa. Non vogliamo ripetere tutto questo. A volte ci viene chiesto se davvero non abbiamo ottenuto nulla. Il nostro la risposta allora è: “no”. È molto triste. Proprio per questo vogliamo prestare attenzione alla salute mentale dei giovani e farne oggetto di discussione. Ho avuto l’impressione che potremmo discutere di tutto insieme , ma è difficile guardare qualcuno fuori.

Tim ei suoi amici hanno quindi deciso di creare la fondazione ‘On se vu’: una fondazione che vuole facilitare la discussione sulla salute mentale dei giovani adulti. Inoltre, vogliono offrire un aiuto psicologico con la fondazione in modo accessibile, ad esempio all’interno dei club sportivi.

Nuovi dati di Statistics Netherlands mostrano che il suicidio è la causa di morte più comune tra i giovani sotto i 30 anni. Nel 2022 si sono suicidate 1.916 persone, una media di circa cinque suicidi al giorno. Più del doppio degli uomini (1.315) rispetto alle donne (601) si sono suicidati nel 2022.

Non solo vogliono commemorare il dolore, ma hanno anche un impatto reale. Per dare alla fondazione un “avvio rapido”, hanno iniziato una raccolta fondi. Grazie al messaggio ampiamente condiviso su LinkedIn, le donazioni stanno arrivando. Dove il target era effettivamente di 10.000 euro, il contatore è già sopra i 50.000 euro. Sabato si svolgerà la prima iniziativa del gruppo di amici: un giro in bicicletta a ‘t Kopje van Bloemendaal, la meta ciclistica preferita dell’amico defunto Martin. ‘To ‘t Kopje voor het koppie’, la via è all’altezza del suo nome.

READ  Gli Stati Uniti raggiungono un'importante pietra miliare per la fusione nucleare, ma rimangono grandi sfide | Generale

Anche prima che abbia luogo la prima attività, gli amici ricevono già molto sostegno. “Molte persone vogliono dare una mano e condividere le loro storie”, afferma Tim. “Ora ci prenderemo il tempo per leggere attentamente ed esaminare tutte le risposte. Possiamo raggiungere i nostri obiettivi con l’aiuto degli altri. Ci rendiamo conto che questa è la nostra storia, ma ci sono tante altre storie là fuori. Ecco perché pensiamo che sia importante poter avere un impatto con la fondazione.



113: I membri della famiglia possono svolgere un ruolo importante nella prevenzione del suicidio

Le persone che sospettano che una persona cara desideri porre fine alla propria vita possono svolgere un ruolo importante nell’eventuale prevenzione del suicidio, spiega 113 Suicide Prevention. Le persone possono avviare una conversazione con una persona suicida con una mente aperta senza giudizio, afferma il ricercatore principale Renske Gilissen.

Parlare di problemi mentali è molto importante, dice, e può essere un sollievo. Ad esempio, pensa che le scuole e le università dovrebbero avere tutte un piano passo dopo passo se si sospetta un comportamento suicida.

Gilissen osserva, così come l’organizzazione MIND, che soprattutto gli uomini con disturbi mentali hanno difficoltà a parlarne. Pensa che il tabù dovrebbe scomparire. “Gli uomini più spesso delle donne pensano di doverlo capire da soli, ma non è necessario.” 113 Suicide Prevention è uscito alla fine dell’anno scorso con, tra le altre cose, uno spot televisivo che incoraggiava gli uomini tra i 40 ei 70 anni a parlare dei loro problemi.

READ  Fattori di rischio per la malattia di Alzheimer

Trattare qualcuno con pensieri suicidi a volte può essere migliore, dice Gilissen. È utile che vengano coinvolti i parenti e che si stabilisca un piano di sicurezza. Pensa che spesso si possa migliorare anche il follow-up delle persone che finiscono in ospedale dopo un tentativo. “Alcuni ospedali organizzano un incontro con uno psichiatra o un case manager che organizza il supporto per la loro dimissione dall’ospedale”. Non tutti gli ospedali offrono questo follow-up, dice.

Per ridurre il numero dei suicidi, è necessario avere maggiori conoscenze su questo gruppo e sui motivi per cui si suicidano. Oltre alle telefonate, 113 Suicide Prevention conduce anche studi scientifici su cosa si può fare per prevenire il suicidio. “È sempre un accumulo di molti fattori diversi che sono diversi per ognuno. Ecco perché dobbiamo mappare meglio le cause”, afferma.

Commento può essere trovato in fondo a questo articolo. Solo commenti con a cognome e nome sono situati. Lo facciamo perché vogliamo un dibattito con persone che si battono per quello che dicono, e quindi ci mettono il loro nome. Coloro che devono ancora inserire il proprio nome possono farlo cliccando su ‘Accedi’ in alto a destra nel nostro sito.

Guarda i nostri video sulla salute (mentale) di seguito:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *