La verità del virus tagliato quasi ovunque dal traffico finanziario: anche Wise e SumUp tagliano i ponti |  Economia

La verità del virus tagliato quasi ovunque dal traffico finanziario: anche Wise e SumUp tagliano i ponti | Economia

angelo williamSempre più importanti fornitori di servizi finanziari preferiscono non essere più associati a Virus Truth. Dopo ING, anche i noti servizi di pagamento Wise e SumUp stanno tagliando i legami con il controverso gruppo d’azione. Il caposquadra Willem Engel sospetta che ci sia “un’azione coordinata”: “Non puoi vederlo separatamente”.

Sarà un bel compito per Viruswaarheid poter partecipare a transazioni finanziarie nel prossimo futuro. Il giudice di Amsterdam lo ha stabilito la scorsa settimana ING ha giustamente chiuso un conto bancario della fondazione. Un portavoce di ING ha risposto oggi al verdetto. “Siamo soddisfatti del verdetto. Con questo verdetto il giudice ha dato un quadro chiaro della situazione e non abbiamo altro da aggiungere in questo momento.

A causa della sentenza del tribunale, la fondazione di Willem Engel potrebbe dover affrontare problemi finanziari, poiché nessun’altra banca è disposta a fare affari con la fondazione. Triodos Bank, ad esempio, ha rifiutato Viruswaarheid come cliente perché il gruppo d’azione “ha chiesto confronti contrari ai suoi valori”.

Rischio troppo grande

L’accesso limitato al traffico finanziario è problematico per Virus Truth. Allo stato attuale, presso la fondazione sono ancora pendenti dieci procedimenti giudiziari che, secondo Engel, “devono ancora essere tutti pagati”. Engel ha trovato un’alternativa provvisoria in Wise, un’app finlandese che consente agli utenti di trasferire rapidamente denaro da un paese all’altro. Ma l’azienda ha concluso la partnership oggi dopo 1,5 anni. Le attività di Virus Truth rappresentano un rischio troppo grande per Wise, legge un’e-mail alla fondazione.

READ  Amazon è esentata da una multa di un miliardo di dollari a causa degli accordi con Bruxelles | Tecnologia

In precedenza, anche SumUp, un’app che consente agli imprenditori di effettuare pagamenti con carta con i propri smartphone, ha avvertito la fondazione. È successo dopo una “ispezione completa” del profilo di Virus Truth, ha riferito il servizio in una email alla fondazione. “In quanto entità regolamentata, siamo soggetti a condizioni rigorose. La nostra licenza non è illimitata, quindi non possiamo supportare tutti i tipi di attività.

Certamente no

Senza servizi di pagamento e senza un conto bancario ING, Viruswaarheid – che dipende dalle donazioni – non ha posto. La fondazione si appella quindi nel giudizio di merito contro ING. Gli esperti ritengono che le possibilità di Virus Truth siano basse, poiché le banche sono spesso autorizzate a decidere da sole con chi vogliono fare affari in base alla loro libertà contrattuale.

Dal 2016, i consumatori hanno diritto legale a un conto bancario. Ciò significa che ogni adulto ha diritto al proprio conto di pagamento per, tra le altre cose, ricevere e trasferire denaro. Tale diritto legale non esiste per aziende o fondazioni come Viruswaarheid. “Quindi puoi essere rifiutato in banca anche per altri motivi”, spiega Frank ‘t Hart, avvocato e specialista in diritto finanziario. “Le banche hanno molta libertà in questo senso. Se, ad esempio, ritengono che vi sia il rischio di un danno alla loro reputazione o di determinate pratiche a cui preferirebbero non essere associati, allora hanno il diritto di dire: qui non ci bruciamo le dita.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *