La zona euro ora ha 20 paesi, ma è ancora incompiuta

La zona euro ora ha 20 paesi, ma è ancora incompiuta

Un nuovo membro si unisce all’associazione dei proprietari. Un ulteriore presidente è stato aggiunto alla riunione VVE. Ma l’edificio in cui si sta trasferendo il nuovo residente è ancora in costruzione. E all’interno del VVE c’è un dibattito su quale sia effettivamente il miglior impianto antincendio.

Questa è più o meno la situazione all’interno della zona euro, che dal 1° gennaio ha un nuovo Stato membro: la Croazia. Ciò porta l’unione monetaria a venti membri, quasi il doppio rispetto a quando l’euro è stato lanciato nel 1999 con undici paesi. Nel 2002 sono state introdotte monete e banconote in euro.

Un ulteriore presidente di riunione sarà quindi collocato presso gli organismi importanti della zona euro: la Banca centrale europea (BCE) e l’Eurogruppo dei ministri delle finanze. Allo stesso tempo, non è ancora chiaro cosa accadrà se uno o più Stati membri incontrano problemi.

Non che ci siano preoccupazioni per la Croazia. Negli ultimi anni, il paese è stato vagliato dalla CE e dalla BCE per aspetti come le finanze pubbliche. Il debito nazionale del 72% è superiore al tetto del 60% fissato nelle regole di bilancio dell’UE, ma questo debito sta diminuendo e questo è considerato sufficiente. Anche il deficit di bilancio (2,8%: appena al di sotto del tetto del 3% dell’UE) è in calo.

Non ci sono prove che la Croazia abbia manipolato le cifre del bilancio, come ha fatto la Grecia per adottare l’euro nel 2002. La Croazia ha anche trascorso due anni e mezzo partecipando alla “porta d’ingresso” dell’euro: il meccanismo del tasso di cambio europeo, in cui il tasso di cambio la kuna, l’ex valuta nazionale, poteva a malapena discostarsi dall’euro.

Le preoccupazioni dei politici europei sono più concentrate sullo scenario che uno o più paesi dell’Europa meridionale nella zona euro sarebbero colpiti da una crisi del debito sovrano fin dall’inizio. La principale preoccupazione in questo momento è l’Italia, alle prese con un debito pubblico pari al 147% del Pil e un deficit di bilancio intorno al 5%. Per fare un confronto: nei Paesi Bassi, questa cifra è ora rispettivamente del 50% e dell’1%.

READ  Coronavirus, le ultime notizie dall'Italia e dal mondo su Covid- Corriere.it

Fondi di emergenza e stress test

I paesi della zona euro hanno cercato di rafforzare l’unione monetaria negli ultimi anni, a seguito di una serie di crisi del debito sovrano e delle banche. Hanno iniziato in Grecia nel 2010, seguita da Portogallo, Spagna, Italia, Irlanda e Cipro. Il principio del trattato UE secondo cui i paesi bisognosi dovrebbero badare a se stessi (“nessun salvataggio‘) è stato gettato a mare mentre le crisi minacciavano la sopravvivenza della moneta comune nel suo insieme.

Furono istituiti fondi di emergenza, il più importante dei quali era il Meccanismo europeo di stabilità (MES), da cui i paesi ricevevano prestiti favorevoli a lungo termine. Nasce una “unione bancaria”: la vigilanza sulle banche della zona euro viene centralizzata e trasferita alla BCE. E la BCE ha chiarito di essere pronta a salvare l’euro: l’ex capo della BCE Mario Draghi disse nel 2012 che avrebbe fatto “tutto il necessario” (tutto ciò che è necessario), che ha calmato i mercati finanziari. Fino a quando la Grecia non è entrata di nuovo in crisi nel 2015 ed è stata salvata con nuovi crediti dal MES.

La Croazia entra a far parte di una zona euro diversa e più integrata rispetto all’unione monetaria originaria del 1999

La Croazia ora entra a far parte di una zona euro diversa e più integrata rispetto all’unione monetaria originaria del 1999. Ci sono più reti di sicurezza per i nuovi entranti, ma devono anche soddisfare più requisiti. Ad esempio, le banche croate hanno dovuto sottoporsi agli stress test della BCE.

Di recente, le riforme nella zona euro sono fallite. I tentativi di completare l’unione bancaria sono falliti. In particolare, un sistema europeo comune di garanzia dei depositi, proposto dalla CE nel 2015, incontra notevoli resistenze. In particolare in Germania, che rimane contraria a una maggiore condivisione dei rischi finanziari tra i Paesi della zona euro. Un sistema di garanzia dei depositi significa che il denaro dei cittadini è legalmente protetto fino a un certo importo. Se una banca fallisce, il titolare del conto ha la garanzia di riavere i propri soldi, fino a un importo di 100.000 euro nei Paesi Bassi.

READ  3 hotel da sogno con vista in Italia

Nel frattempo, la riforma del fondo di emergenza per l’euro del Mes rischia di andare in stallo. Questo fondo, con una capacità di indebitamento di 413 miliardi di euro, è ora destinato solo ai governi bisognosi. Grecia, Portogallo, Irlanda, Cipro e Spagna hanno ricevuto prestiti di emergenza dal MES (e dal suo predecessore, l’EFSF).

Giorgia Meloni

Con una riforma concordata nel 2018, anche al Mes viene assegnato un nuovo ruolo: quello di diventare l’ultimo salvadanaio in caso di fallimento delle banche (questo accade solo dopo che i primi azionisti e poi un fondo delle banche stesse sono stati Usato). Ma negli ultimi mesi del 2022 l’Italia ha ostacolato la ratifica di questa riforma del Mes. Roma si oppone alle condizioni più stringenti per il sostegno ai governi da parte del Mes, anch’esse incluse nella riforma.

I governi italiani non hanno mai dovuto fare affidamento sul MES, ma temono che un giorno lo faranno. Poi, in linea di principio, devono anche attuare un doloroso programma di riforme e austerità, proprio come gli altri Paesi che il Mes è venuto in soccorso. È uno scenario politico da incubo che i politici italiani vogliono evitare. “Finché mi batto per qualcosa, firmo con il mio sangue che l’Italia non si rivolgerà al Mes”, ha detto il primo ministro Georgia Meloni in un’intervista televisiva poco prima di Natale.

Pene per l’Italia

La situazione finanziaria dell’Italia potrebbe peggiorare quest’anno poiché la BCE sembra determinata a continuare ad alzare i tassi. Ciò si riflette negli interessi che lo Stato italiano paga sui mercati obbligazionari. È più che triplicato in un anno, passando dall’1,3% di inizio 2022 al 4,6% circa dei titoli di Stato decennali. Gli investitori chiedono anche una maggiore compensazione del rischio per il debito italiano: il differenziale dei tassi di interesse tra i titoli di Stato decennali tedeschi e italiani (il cosiddetto “spread”) è ora di 2,2 punti percentuali, rispetto agli 1,4 punti percentuali di inizio 2022.

READ  Effetto Michelle Obama sulle elezioni americane?

Leggi anche questo articolo: Investitori sorpresi dalla fermezza di Christine Lagarde: rialzo dei tassi, e non ultimo per il momento

Di recente, le riforme nella zona euro sono fallite. I tentativi di completare l’unione bancaria sono falliti

I ministri del governo italiano di destra hanno recentemente criticato con forza la BCE per gli aumenti dei tassi di interesse, con i quali la BCE vuole contenere l’inflazione. Tuttavia, se gli investitori perderanno fiducia nel debito sovrano del Paese, l’Italia dovrà fare affidamento principalmente sulla BCE. Nel caso in cui gli spread (la differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita) nella zona euro aumentino in modo incontrollabile, la BCE si è dotata dallo scorso anno di un nuovo strumento di estinzione. Può acquistare debito pubblico mirato a singoli paesi per ridurre gli spread. Un vantaggio per l’Italia: non obbliga il Paese a sottoporsi a un programma ESM, come avveniva ancora per un analogo programma BCE del 2012 (che non fu mai utilizzato).

Per la stabilità dell’Eurozona, la BCE, che ha tenuto insieme l’euro nel 2012, continuerà ad essere vitale nel 2023 e oltre.

Leggi anche la prima parte di questo dittico sull’adesione della Croazia: Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria preferiscono rimanere fuori dall’euro per un po’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *