L’agenzia antifrode dell’UE indaga sulle lobby di Neelie Kroes |  Economia

L’agenzia antifrode dell’UE indaga sulle lobby di Neelie Kroes | Economia

L’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) indagherà sul lavoro di lobbying dell’ex commissario europeo Neelie Kroes. Lo riporta il sito web di notizie Follow the Money. Kroes è stato screditato a luglio dopo le rivelazioni di lobby segrete per la società statunitense Uber.

“A seguito di una valutazione preliminare delle accuse portate alla nostra attenzione, il Direttore generale ha deciso di aprire un’indagine”, ha confermato al sito di notizie un portavoce dell’OLAF.

Nel luglio di quest’anno, una violazione dei dati ha rivelato che l’ex politico aveva già fatto pressioni per Uber nel 2015, dopo essersi dimesso dalla carica di commissario dell’UE per gli affari digitali per pochi mesi. Ciò va contro gli accordi raggiunti all’interno dell’UE.

A quel tempo, Kroes ha commentato lealtà sa che poco dopo la sua partenza da commissario europeo, ha avuto interviste a causa della sua posizione di inviata speciale della start-up Delta.

Il ministero ha affermato che la startup Delta era per start-up, non per grandi aziende come Uber.

La Commissione europea ha quindi inviato una lettera a Kroes chiedendo chiarimenti. Kroes ha risposto entro una settimana. Dopo aver analizzato la risposta inviata da Kroes, il comitato esecutivo dell’UE ha contattato l’OLAF. Oltre a rilevare frodi che coinvolgono fondi dell’UE, l’OLAF è anche autorizzato a indagare sulla cattiva condotta del personale dell’UE.

READ  Anche l'interesse europeo potrebbe aumentare immediatamente di 0,5 punti percentuali, secondo il presidente della DNB | ADESSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *