L’Aia consulta il Suriname prima delle scuse per la schiavitù | ADESSO

Il Comune dell’Aia prende sul serio le critiche del Suriname alle scuse di Amsterdam, Rotterdam e Utrecht per il passato di schiavitù. Questo è il motivo per cui la terza città più grande del paese si consulterà con coloro che sono coinvolti nell’ex colonia olandese prima che vengano addotte scuse, informa il comune NU.nl.

L’Aia presenterà i risultati della ricerca sulla storia della schiavitù nella città a novembre, ha affermato un portavoce. Dopodiché, la città decide se scusarsi o meno. Il comune coinvolge anche gli abitanti della città che sono discendenti di schiavi.

Amsterdam, Rotterdam e Utrecht si sono scusate per il loro passato di schiavitù nel 2021 e nel febbraio di quest’anno. Non hanno consultato in anticipo le autorità e le parti interessate in Suriname su questo argomento.

La Commissione nazionale per le riparazioni del Suriname (NRCS) e il Comitato nazionale per la memoria del passato di schiavitù sono stati infelice su questo approccio. Le organizzazioni di schiavi hanno accusato le tre città di una visione unilaterale delle scuse da parte degli olandesi.

‘Ora sospettoso di sincerità’

“Ora è apparso un fascicolo di scuse che diventerà più lungo”, spiega ulteriormente l’insoddisfazione il presidente del comitato Johan Roozer. “Ma questo non ci interessa. È sorto il sospetto sulla sincerità delle scuse a causa del modo in cui le città le hanno fatte.”

“Non era nemmeno chiaro a chi fossero rivolte le scuse”, ha detto Roozer in precedenza. “Non mi sembrava giusto. Un simile approccio è insufficiente.” L’Aia prende a cuore le critiche alle due organizzazioni di schiavi del Suriname.

READ  ATM, puoi cambiare il codice PIN della tua carta?

Rutte e DNB hanno consultato in anticipo il Suriname

L’impegno dell’Aia fa parte di una tendenza emergente a discutere in anticipo le scuse per il passato di schiavitù con le ex colonie. La Nederlandsche Bank lo ha fatto davanti al presidente Klaas Knot a luglio scuse fatto.

Il primo ministro Mark Rutte ha avviato colloqui con le due organizzazioni di schiavi del Suriname nell’ambito di un’indagine su possibili scuse da parte dello stato olandese. Stavano parlando di quello parlare.

“Il passato della schiavitù è una questione molto seria”, ha detto all’epoca a NU.nl il presidente dell’NRCS Armand Zunder. “Il fatto che Rutte voglia parlare con noi prima mostra che prende sul serio le scuse”.

L’Istituto olandese per la schiavitù sottolinea la missione condivisa

Secondo la presidente Linda Nooitmeer dell’Istituto nazionale per la storia e l’eredità della schiavitù olandese (NiNsee), Amsterdam, Rotterdam e Utrecht hanno mostrato coraggio e leadership nel chiedere scusa. In questo modo, le tre città hanno contribuito ad attirare maggiormente l’attenzione sul passato di schiavitù in Suriname e nella parte caraibica del Regno.

Secondo il presidente di NiNsee, ciò che potrebbe essere migliorato nei contatti tra l’ex colonia ei Paesi Bassi non dovrebbe mettere in ombra il buon lavoro svolto. “Sarebbe un peccato. Stiamo combattendo la stessa battaglia in Suriname e nei Paesi Bassi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.