“l’universo non ha 13,7 miliardi di anni, ma 26,7 miliardi di anni”

“l’universo non ha 13,7 miliardi di anni, ma 26,7 miliardi di anni”

Ciò significa che l’universo potrebbe essere fino al doppio più vecchio di quanto si pensasse in precedenza.

Si ritiene generalmente che l’universo sia iniziato circa 13,7 miliardi di anni fa. Un’ipotesi che è diventata ancora più potente qualche anno fa, quando è stato trovato uno studio del 2021 a sostegno di questa teoria. Ma il ricercatore Rajendra Gupta non ne è così sicuro. Secondo lui, ci sono stati troppi avvistamenti straordinari che non sono coerenti con un universo di quasi 14 miliardi di anni. Secondo lui, l’universo è più antico di così. Molto più vecchio.

Determina l’età
In che modo gli scienziati determinano l’età dell’universo? Per fare ciò misurano il tempo trascorso dal Big Bang e studiano le stelle più antiche in base al redshift (vedi riquadro) della luce delle galassie. Nel 2021, ciò ha portato alle misurazioni più accurate mai realizzate dell’età dell’universo. Le osservazioni suggeriscono che all’universo è stato permesso di spegnere circa 13,77 miliardi di candeline sulla torta di compleanno, circa 40 milioni di anni fa.

Cos’è il Redshift?
Quando un oggetto si allontana da noi a grande distanza, lo spettro della luce emessa (o altra radiazione elettromagnetica) quando viene ricevuta cambia in “rosso”, cioè nella direzione delle lunghezze d’onda maggiori. Questo si chiama spostamento verso il rosso. Osservando il colore della luce, i ricercatori possono quindi stimare quanto velocemente l’oggetto si sta allontanando da noi e quanto velocemente si sta espandendo l’universo.

Tuttavia, Gupta ha dei dubbi. Ad esempio, troviamo la stella Matusalemme a circa 190 anni luce dalla Terra. E questa stella sembra stranamente più vecchia dell’età stimata del nostro universo. Inoltre, il potente James Webb Telescope ha già scoperto alcune prime galassie in uno stadio avanzato di evoluzione. Queste galassie non si sarebbero formate fino a circa 300 milioni di anni dopo il Big Bang, ma in realtà sembrano molto più mature di così. Sembra infatti che abbiano già alle spalle miliardi di anni di evoluzione cosmica.

READ  Hai visto sfocato ultimamente? 'Potresti avere la cataratta' | Salute

Puzzle
Questo ha incuriosito Gupta e molti altri astronomi, del resto. “Una stella non può essere più vecchia dell’universo”, ha detto in un’intervista a Scientias.nl. “Proprio come un figlio non può essere più vecchio di suo padre. Le stelle e le galassie richiedono tempo per formarsi e maturare. Come può un bambino nato un anno fa sembrare già un adulto?

26,7 miliardi di anni
In un nuovo studio Gupta mette quindi in discussione il modello cosmologico generale. “Un’età di 13,7 miliardi di anni sembra contraddire le osservazioni dell’universo primordiale”, dice. Ed è per questo che ora sta rinfrescando l’era dell’universo. “Quello che vediamo è più coerente con un universo di 26,7 miliardi di anni”, ha detto Gupta.

Spostamento verso il rosso
Perché lo pensa esattamente? “Fondamentalmente, la velocità con cui l’universo si espande determina l’età dell’universo”, dice il ricercatore quando gli viene chiesto. “Questa velocità è determinata osservando lo spostamento verso il rosso della luce proveniente da galassie lontane”. In breve, i redshift delle galassie potrebbero quindi essere un’indicazione della velocità di espansione dell’Universo – e quindi rivelare l’età dell’Universo. Tuttavia, puoi fare una domanda interessante qui. Perché il redshift è davvero dovuto al fatto che l’universo si sta espandendo e di conseguenza la luce di queste galassie si sta spostando verso il lato rosso dello spettro? “Alcuni famosi astronomi hanno suggerito che il redshift è causato dalla luce che si ‘affatica’ mentre percorre distanze cosmiche”, continua Gupta. In questo caso, lo spostamento verso il rosso della luce proveniente da galassie lontane sarebbe dovuto alla graduale perdita di energia da parte dei fotoni su vaste distanze cosmiche.

READ  Il cambiamento climatico sta trascinando in inverno

Fenomeno a due punte
Secondo il ricercatore, il redshift potrebbe essere un fenomeno su due fronti. E questo può spiegare molte cose. “Se entrambi i fenomeni causano un redshift, allora solo una parte del redshift rappresenta l’espansione dell’universo”, conclude Gupta. “Ciò significa che l’espansione dell’universo è più lenta che se il redshift fosse solo il risultato di questa espansione. E un’espansione più lenta si traduce in un’età più avanzata dell’universo.

luce stanca
Ciò significa che l’esistenza della “luce stanca” potrebbe significare che l’universo ha 26,7 miliardi di anni. Ciò renderebbe il nostro universo almeno il doppio più vecchio delle stime precedenti. E questa è una teoria plausibile. Questo risolve il problema della stella Methuselah e delle galassie mature che James Webb ha osservato nel giovane universo. “Allentando la teoria precedente, non dobbiamo più fare ipotesi irrealistiche su stelle, galassie e buchi neri all’alba cosmica”, osserva Gupta.

Il libro
Con lo studio, il libro sull’età dell’universo ottiene un capitolo completamente nuovo. “Fino alla fine del secolo, c’era una grande incertezza sul tasso di espansione e quindi sull’età dell’universo, che allora era stimata tra i 7 ei 20 miliardi di anni”, dice Gupta. “Con il lancio del telescopio spaziale Hubble nel 1993, questa incertezza è stata notevolmente ridotta e l’universo è stato determinato per avere 13,7 miliardi di anni. E il nostro nuovo modello estende il tempo per la formazione della galassia di miliardi di anni. , quindi ora stimiamo che l’universo ha 26,7 miliardi di anni.

l’età esatta dell’universo
L’età esatta dell’universo continua quindi a preoccupare gli astronomi. E questo ha validi motivi. Ad esempio, molti astronomi pensano che sia importante saperne di più sull’universo in cui viviamo. Voler sapere come è composto e come si evolve sono anche domande urgenti che semplicemente incuriosiscono la mente umana. Anche Gupta vuole risolvere il mistero. E con il suo modello fa uno sforzo frenetico. “L’età dell’universo dovrebbe essere coerente con le osservazioni”, dice. “Altrimenti, dobbiamo cercare una nuova fisica per spiegarli.”

READ  Coronavirus, 5.080 nuove infezioni con 130.000 tamponi. I morti hanno 198 anni, i ricoverati sono stabili

La domanda è se è stata detta l’ultima parola sull’età dell’universo o se altri astronomi presenteranno nuove idee. Perché proprio come il vasto universo, la scienza è sempre soggetta a cambiamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *