L’assenteismo di lunga durata continua a crescere, soprattutto tra i giovani |  Economia

L’assenteismo di lunga durata continua a crescere, soprattutto tra i giovani | Economia

Sempre più lavoratori restano seduti a casa per lunghi periodi di tempo. Si tratta principalmente di disturbi psicologici come il burnout. Il numero è in aumento, soprattutto tra i giovani. I fornitori di servizi per la salute e la sicurezza Human Capital Care e ArboNed riferiscono in merito.

Nel primo trimestre di quest’anno, quasi il 2% dei lavoratori di età compresa tra 25 e 34 anni era a casa con problemi psicologici a lungo termine. I giovani spesso soffrono di esaurimento o sono oberati di lavoro. Rispetto a quattro anni fa, il loro assenteismo è aumentato di un terzo. L’aumento è anche leggermente maggiore nella fascia di età 15-25 anni. Il numero aumenta meno rapidamente nelle fasce di età superiori.

I dipendenti che l’anno scorso non hanno potuto lavorare perché oberati di lavoro hanno trascorso in media 228 giorni a casa. Con un burn-out, questa media era addirittura di 288 giorni. “Più a lungo una persona rimane a casa, più alta è la soglia per ricominciare a lavorare”, spiega il medico del lavoro Redmer van Wijngaarden. È anche direttore degli affari medici presso ArboNed.

L’assenteismo totale è sceso il mese scorso dal 4,5% al ​​4,2%. Secondo le aziende di salute e sicurezza sul lavoro, è normale che le assenze diminuiscano durante la primavera. L’assenteismo è diminuito, in particolare nel settore sanitario. Ad aprile erano malati in media 54 dipendenti su 1.000, a maggio quel numero è sceso a 49.

READ  Vaccino Covid, 30.000 casi di effetti avversi (su 4 milioni di dosi). Tutti i dati. RAPPORTO AIFA [PDF]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *