Le briciole di gabinetto Uno status e un obbligo di dichiarare il coronavirus

Le briciole di gabinetto Uno status e un obbligo di dichiarare il coronavirus

A inizio marzo sono già scaduti il ​​test di isolamento e la consulenza. All’epoca, gli esperti hanno concluso che i Paesi Bassi erano nella “fase endemica”, dove il virus circola ancora, ma quasi nessuno si ammala davvero.

Uno stato

Se una malattia è classificata come A, possono essere introdotte tutte le misure legali, come l’isolamento, la quarantena e persino il divieto di esercitare una professione quando qualcuno è malato.

Inoltre, vige l’obbligo di notifica per le malattie con stato A. Con l’abolizione dello stato, scade l’obbligo di notifica di informare il GGD in caso di test corona positivo in un laboratorio. Malattie come la SARS, il vaiolo e la poliomielite sono ancora segnalabili.

In un parere al governo, la RIVM ha scritto che l’obbligo di rendicontazione “non è più proporzionale”. Esistono molti modi per raccogliere dati su possibili nuovi casi di corona, come il monitoraggio delle acque reflue.

Momento commemorativo

Il gabinetto è anche impegnato a preparare un momento di commemorazione per il periodo della corona nei Paesi Bassi. Questo dovrebbe svolgersi l’anno prossimo, nel 2024, in vari orari e luoghi nei Paesi Bassi e nei Paesi Bassi caraibici. Uno speciale comitato “Dwelling on Corona” ha recentemente lavorato a piani per questo.

Un precedente piano per organizzare un momento commemorativo nazionale già nel 2022 è stato abbandonato perché il numero di infezioni da corona era ancora troppo alto l’anno scorso.

READ  Fondi pensione ancora in buona salute nonostante le ingenti perdite e gli aumenti delle pensioni | Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *