Le città lanciano l’allarme con il ministro sulla povertà a causa dell’energia costosa

Le città lanciano l’allarme con il ministro sulla povertà a causa dell’energia costosa

Le città dei Paesi Bassi stanno esortando il governo a intraprendere maggiori azioni contro la povertà energetica. Con i prezzi dell’energia in costante aumento, i municipi ricevono sempre più segnali dai residenti che non sono in grado di pagare le bollette.

“Siamo molto preoccupati”, scrivono gli amministratori delle quaranta città più grandi e medie, il cosiddetto G40, in una lettera al ministro Schouten (Politica della povertà). Richiedono un approccio più strutturale al problema. Secondo il G40, le attuali misure adottate dal governo sono insufficienti.

segnali angoscianti

“I segnali che riceviamo dai residenti sono sempre più preoccupanti e prefigurano imminenti problemi di debito”, ha scritto l’assessore Rob de Geest di Deventer nella lettera di fuoco.

Si riferisce ai calcoli di Statistics Netherlands secondo cui una bolletta energetica media annua aumenta di 1.700 euro. Con la compensazione fiscale di 400 euro e la compensazione unica per i redditi bassi di 200 euro, resta un importo di 1.100 euro, sostiene De Geest. “I residenti a basso reddito non possono assorbire questo aumento”.

“Serve azione ora”

Secondo il G40, è importante agire ora per evitare che i cittadini finiscano per essere avvisati sui propri debiti. Dopo la guerra in Ucraina, i prezzi alla pompa di benzina hanno raggiunto livelli record. Anche i prezzi del gas sono aumentati notevolmente.

L’aumento delle misure di risparmio energetico non offre una soluzione a breve termine, afferma la lettera. I comuni precisano inoltre che la compensazione energetica tramite l’assistenza sociale è praticamente impossibile. “Inoltre, ci vuole già troppo tempo per organizzare la compensazione energetica per i redditi bassi, mentre i nostri abitanti hanno bisogno di questa compensazione ora”.

READ  Sede McLaren Woking in vendita - Auto World

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *