Le esportazioni di suinetti diminuiscono drasticamente – Nuovo raccolto

L’export di suinetti è fortemente diminuito nelle prime cinque settimane di quest’anno. Sono stati esportati 110.000 suinetti in meno rispetto allo stesso periodo del 2021 e il 20% in meno rispetto all’anno di punta del 2018.

In cinque settimane, quest’anno gli esportatori hanno trasportato più di 568.000 suinetti verso la loro destinazione all’estero. L’anno scorso ce n’erano più di 110.000 contemporaneamente, ovvero il 16% in più. La maggior parte dei suinetti esportati sono destinati agli allevatori di suini da ingrasso in Germania (52%) e questa quota è paragonabile al 2021.

Tuttavia, l’importanza delle esportazioni verso la Spagna è aumentata considerevolmente. Nelle prime settimane di quest’anno, quasi un terzo delle esportazioni di suinetti è andato in questo paese. Poco più di un suino olandese da esportazione su dieci va agli allevatori di suini da ingrasso in Belgio.

3.000 suinetti in meno in Italia

La percentuale delle esportazioni verso l’Italia è rimasta la stessa, nonostante lo scoppio della peste suina africana nel cinghiale nel nord Italia. In numero assoluto sono stati venduti in Italia 3.000 suinetti in meno nelle prime cinque settimane rispetto allo stesso periodo del 2021.

È sorprendente che in Romania siano stati venduti più di 3.000 suinetti in più rispetto a un anno fa. Mentre un totale di 6.000 suinetti sono stati trasportati lì nelle prime cinque settimane del 2021, quest’anno sono 9.300 suinetti.

READ  Qual è stato il disastro marittimo più costoso di tutti i tempi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *