Le grandi creature marine non si lasciano disturbare

Le grandi creature marine non si lasciano disturbare

Lo storico dell’arte Joke de Wolf si concentra su un’opera d’arte che corrisponde all’attualità. Questa settimana: attenzione al tricheco Thor.

Con i suoi baffi e gli occhi piccoli, il tricheco che ha visitato la costa olandese la scorsa settimana sembrava straordinariamente coccoloso. È stato visto per la prima volta sulla spiaggia di Petten nell’Olanda Settentrionale, questo fine settimana era in Zelanda. Al giovane maschio adulto fu dato il nome Thor, una femmina di balena era precedentemente chiamata Freya. I trichechi sono rari nel Mare del Nord, ma i capodogli spesso si perdono nelle nostre vicinanze.

Le grandi creature marine fanno appello all’immaginazione. Moby Dick, uno dei più importanti romanzi classici americani, parla dell’ossessione di un capitano e di una balena. La storia biblica di Giona e della balena era la storia più immaginata anche in epoca paleocristiana, ed era comune sui sarcofagi e sui muri dei cimiteri.

Pieter Lastman,

Pieter Lastman, “Giona e la balena” (1621).Statua

Secondo il libro biblico, Giona rifiuta di accogliere la richiesta di Dio di andare a Ninive per metterla in ordine, sale su una barca. Dio è arrabbiato e manda una tempesta. Colpevole, Jonas si lascia gettare a morte in mare, ma viene salvato da un grosso pesce: passa tre giorni e tre notti a pregare nel suo ventre.

Questo grosso pesce era una balena

Pieter Lastman ritrae qui il momento in cui la balena sputa il profeta sulla terraferma: l’uomo vola nell’aria. Il pesce sembra un grosso luccio e sicuramente non una balena. Non era ignoranza: l’Antico Testamento parla solo di un “pesce grosso” – fu solo nel 1611 che uscì una traduzione inglese che affermava che questo grosso pesce era una balena.

Lastman era un pittore di successo. Ha trascorso alcuni anni in Italia come studente. In seguito avrebbe trasmesso la sua conoscenza di Caravaggio e Michelangelo al suo più famoso allievo Rembrandt, che non avrebbe mai viaggiato in Italia lui stesso.

Questo dipinto relativamente piccolo – è largo cinquanta centimetri – mostra la potenza e la misericordia di Dio. È in grado di proteggere e guidare un confidente nonostante il suo fallimento. Jonas emerge completamente nudo dal ventre del pesce. Seguendo i maestri italiani, Lastman dimostra di padroneggiare perfettamente l’anatomia umana.

Negozio di un ‘sydelakencooper’

Particolarmente sorprendente in questa immagine è il panno rosso che ha avvolto il corpo di Jonas come una lingua. Sotto la versione stampata dell’immagine, che può essere visualizzata al Rijksmuseum di Amsterdam, tra gli altri luoghi, si afferma che questa immagine era intesa come un’insegna per il negozio del ‘sydelakencooper’ Isaac Boddens. Nel 1620 aprì un negozio di seta nella Warmoesstraat di Amsterdam. E questo negozio si chiamava “Jonas”.

Questo dipinto aveva quindi lo scopo di attirare l’attenzione sul negozio e sui tessuti ivi venduti. C’è da sperare che il tricheco Thor sia meno interessato al prossimo futuro di Freya. Quando si è presentata a Oslo ad agosto, le persone erano così curiose dei trichechi da mettersi in pericolo. Motivo per cui le autorità norvegesi finiscono con Freya. Il mondo sottosopra: questo è chiedere una risposta di proporzioni veterotestamentarie.

Leggi anche:

Marcel Duchamp probabilmente non avrebbe trovato un problema con gli attivisti per il clima con la super colla

È stata una settimana emozionante per i musei: gli attivisti per il clima, armati di supercolla e zuppa o altro liquido, hanno potuto presentarsi davanti a tutte le opere d’arte conosciute. La ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer del Mauritshuis è stata la prima a morire nei Paesi Bassi.

READ  Gli operatori sanitari senza corona possono tornare a lavorare in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *