Le istituzioni dovrebbero sostenere meglio la salute mentale degli studenti

Notizie | Editori




15 marzo 2022 † Le istituzioni educative dovrebbero fornire un supporto migliore per la salute mentale dei loro studenti, sostengono, tra gli altri, il Trimbos Institute e il National Youth Council. Corsi speciali e un ambiente sicuro possono aiutare in questo.





“Il numero di giovani con problemi di salute mentale è raddoppiato dalla fine del 2020”. Foto: Peter van der Sijde ©UG.


Nel corso tavola rotonda del Comitato permanente per il benessere e lo sport, diverse organizzazioni stanno sostenendo un ruolo più importante per le istituzioni educative nel sostenere la salute mentale degli studenti. La pressione sulle prestazioni e l’isolamento sociale dovuto alle misure della corona amplificano i problemi mentali tra i giovani. Le istituzioni possono supportare i propri studenti insegnando materie specialistiche e sviluppando le capacità di coaching del personale docente.

Meno certezze per i giovani

“Il numero di giovani con problemi di salute mentale è raddoppiato dalla fine del 2020”, spiega Tanja Traag di Statistics Netherlands durante la tavola rotonda. “Circa un giovane su cinque tra i 18 ei 25 anni soffre di disturbi mentali”. Ciò può essere in parte spiegato dal grave impatto delle misure della corona sugli studenti che vivono lontano da casa, ma c’è anche un gruppo che ha sperimentato sollievo durante il blocco, afferma Traag. “In generale, gli adolescenti sono molto occupati. Inoltre, sono preoccupati per il futuro; molte cose che erano certe non sono più certe.

Secondo Hannah Hollestelle di MIND Platform, gli istituti di istruzione superiore hanno un ruolo da svolgere qui. Secondo lei, le istituzioni dovrebbero ridurre la pressione per esibirsi ed educare i giovani ad affrontare i problemi mentali. Sebbene siano già in corso progetti di successo, come la MIND Young Academy, una piattaforma informativa sulla salute mentale e la malattia per i giovani, le istituzioni possono fare di più, secondo Hollestelle. Un modo è tenere lezioni sulla salute mentale, ma Hollestelle preferirebbe vedere un cambiamento culturale totale, in cui tutti gli insegnanti sappiano come aiutare gli studenti che sono sotto stress.

READ  Secondo Elon Musk, non c'è vita nel nostro sistema solare

La salute mentale è un tabù

Samia Boukhizzou, membro del consiglio di JOB MBO, vede anche che le esperienze all’interno di una scuola o di un’istituzione possono avere un grande impatto sulla salute mentale dei giovani. A causa delle misure della corona, molte persone di MBO e HBO hanno subito ritardi nello studio, perché esami e stage sono stati posticipati o perché i loro materiali educativi non potevano pagare a causa di problemi finanziari. Ha causato molto stress extra. “Abbiamo sentito gli studenti dire che non c’era posto a scuola per parlarne”, dice Boukhizzou.

Boukhizzou sottolinea anche che i giovani trascorrono gran parte del loro tempo a studiare. Molti studenti MBO sono quindi propensi ad essere i primi a contattare i propri consulenti di orientamento se incontrano problemi a casa. “Ma i consulenti del lavoro spesso indirizzano gli studenti che non si sentono bene a un consulente confidenziale e le liste di attesa per i consulenti confidenziali sono spesso enormi”. Inoltre, secondo Boukhizzou, la salute mentale è un tabù in MBO; nei media, si tratta più spesso della salute mentale degli studenti dell’istruzione superiore. “Gli studenti MBO sono troppo spesso dimenticati di questo.”

Vincent Vegt del Consiglio Nazionale della Gioventù ricorda che ci saranno sempre fattori di stress tra i giovani. Secondo lui, le istituzioni dovrebbero aiutare i giovani ad affrontare questa situazione insegnando materie su di essa e insegnando ai tutor come supportare al meglio gli studenti. Secondo Vegt, questo può creare un’atmosfera sicura in cui è più facile parlare della salute mentale dei giovani. Inoltre, Vegt sottolinea che i giovani dovrebbero coinvolgere i giovani nel processo decisionale, perché sono quelli che sanno meglio cosa funziona per loro.

READ  Coronavirus, dati - 5.741 contagi in 24 ore con 251mila tamponi: il tasso di positività è del 2,28%. Sono 164 le nuove vittime

“Dobbiamo fornire una base solida”

Marloes Kleinjan del Trimbos Institute mette in guardia dagli standard che alcune istituzioni impongono ai propri studenti. “I giovani hanno meno probabilità di fallire e spesso pensano di doverlo fare bene la prima volta”, dice Kleinjan. “La narrativa nella società odierna è incentrata sull’eccellenza e sulla producibilità. Se qualcosa non funziona, sta a te decidere.” Secondo Kleinjan, questa narrazione è mantenuta dalle istituzioni, ma anche dai genitori e dalla politica educativa. Per contrastare questo, le istituzioni devono guardare bene ciò che propagano; riguarda il benessere e la crescita personale o l’enfasi sulle prestazioni e sull’eccellenza?

Kleinjan sostiene quindi un approccio integrato per sostenere la salute mentale dei giovani. “Per migliorare il benessere dei giovani, gli interventi individuali non sono sufficienti”, afferma Kleinjan. Un approccio più sostenibile si concentra sullo sviluppo delle abilità socio-emotive attraverso l’istruzione; non solo per insegnanti e studenti, ma anche per il resto del corpo docente. Il Trimbos Institute sta già lavorando al programma Benessere a scuola e sta studiando se può essere trasposto all’MBO e all’istruzione superiore.

Inoltre, Kleinjan ha avvertito che le attuali misure di prevenzione vengono implementate in modo eccessivo dal settore sanitario. Lo scopo di queste misure è ora quello di identificare i problemi mentali nei giovani il prima possibile e quindi offrire loro un aiuto a bassa soglia. “È molto importante”, afferma Kleinjan, “ma dobbiamo davvero iniziare prima e garantire una solida base”. Kleinjan spiega che i problemi mentali possono essere veramente evitati solo quando la resilienza emotiva dei giovani viene rafforzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.