Le organizzazioni sanitarie lavorano insieme contro l’aggressione dei pazienti

Le organizzazioni sanitarie lavorano insieme contro l’aggressione dei pazienti

Le organizzazioni sanitarie lavorano insieme contro l’aggressione dei pazienti

NOS/Jeroen van Eijndhoven

Notizie ONS

Le organizzazioni sanitarie uniranno le forze per combattere l’aggressione e l’intimidazione dei pazienti. L’estate scorsa si è scoperto Cerca NA e l’organizzazione dei farmacisti KNMP che l’aggressione in farmacia è estremamente comune. I colleghi delle cure primarie riconoscono il problema.

Le associazioni professionali delle ostetriche (KNOV), dei dentisti (KNMT), dei fisioterapisti (KNGF) e dei medici generici (LHV) uniscono le forze con i farmacisti per esaminare con il Ministero della Salute come ridurre l’aggressività nell’assistenza sanitaria. Lavorando insieme, il presidente del KNMP Aris Prins spera “che come organizzazioni dimostriamo che siamo tutti uniti nella salute. Se tocchi uno di noi, ci tocchi tutti”.

PAPÀ

Un adesivo contro gli attacchi al personale infermieristico

Secondo Prins, l’aggressività è il risultato di una mancanza di lucidità nel paziente e della carenza di farmaci. Questa mancanza è stato un problema per molti anni. “Fa parte della nostra professione fornire aiuto, ma negli ultimi anni le prime domande dei pazienti sono state se un medicinale viene rimborsato e se il medicinale è disponibile”, afferma Prins. “Come badanti, ci siamo abituati all’aggressività. Fa più o meno parte del nostro lavoro, mentre non è ciò per cui siamo stati addestrati”.

Prins afferma che è importante che il governo, le compagnie di assicurazione sanitaria e gli operatori sanitari “comunichino chiaramente” con i pazienti in merito alla politica sanitaria. In questo modo, il paziente sa dove si trova. “E che gli operatori sanitari non sono più quelli che portano sempre le cattive notizie”.

Sulla rivista Zorgvisie, Hans de Vries, presidente dell’associazione professionale dei dentisti, dichiara che “è in atto un cambiamento sociale in cui le persone esprimono più facilmente la loro aggressività”. Cita l’esempio di un dentista minacciato con un coltello. “Spaventa i dipendenti, perché può succedere anche a loro. Alcuni lasciano il nostro settore a causa di questa aggressione”.

READ  Enel a gamba tesa nel mondo dei pagamenti: nasce Enel X Pay, conto corrente digitale con app e carta

Ricerca sull’aggressività

Il mese scorso è emerso che la Camera dei Rappresentanti ha sostenuto il piano per liberare infine più fondi per la ricerca sulla natura e l’entità dell’aggressione nell’assistenza sanitaria. Gli eurodeputati Jacqueline van den Hil del VVD e Attje Kuiken del PvdA sostengono le organizzazioni di assistenza. “Ridurre l’aggressività nell’assistenza sanitaria riguarda tutti”, afferma Kuiken sulla rivista Zorgvisie. Da sinistra a destra. Assumiamo questo ruolo”.

Anche le stesse associazioni professionali affermano di assumersi le proprie responsabilità. “Ad esempio, i dentisti informano in anticipo i propri pazienti sui costi previsti, per evitare discussioni o peggio. Inoltre, lavorano per rendere l’ambiente di lavoro più sicuro durante i servizi di emergenza e nel fine settimana”, scrive Zorgvisie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *