Le “ pennellate ” magnetiche del Centaurus A

Le sue forme sinuose, che ricordano la lettera S, sono uno dei suoi tratti distintivi e sono attribuite ad un drammatico scontro avvenuto in passato: protagonista di un nuovo studio di Astronomia della natura è Centauro A, galassia situata nella costellazione omonima, a una distanza di ca. 13 milioni di anni luce.

L’entità corrente sarebbe il risultato di a processo di fusione che ha coinvolto a galassia ellittica e una galassia a spirale, circa 100 milioni di anni fa; l’evento non ha interessato solo il struttura esterna delle due galassie, ma anche la loro campi magnetici come illustrato sopra studio, guidato daIstituto Kavli per l’astrofisica e la cosmologia delle particelle di Stanford (“Il campo magnetico attraverso il disco molecolare deformato del Centauro A”).

Il sondaggio si è basato sui dati di Sofia (Stratosferico Oosservatorio Fo ionfrared UNAstronomy), missione congiunta del Nasa e l’agenzia spaziale tedesca Dlr, progettato per osservare ilUniverso nell ‘infrarossi. Grazie alla sensibilità dei suoi strumenti, per la prima volta, è stato possibile realizzare un file cartografia di Dio campi magnetici di Centauro A, che appaiono come “pennellate” nell’immagine; i campi si estendono per ca. 1600 anni luce e appaiono parallelo a una serie di tracce di polvere, detrazioni i resti Dell ‘antica galassia a spirale.

Tuttavia, il quadro era diverso quando gli scienziati vennero a esaminare il filearea vicino alla parte centrale del disco galattico. L’impatto tra le due galassie, oltre a cambiare connotazioni in una spirale e innescare un’intensa formazione stellare, ha distorsione nei campi magnetici su piccola scala, torcendoli e aumentare la sua intensità. Processi simili, avvenuti inUniverso primordiale, potrebbe aver contribuito a trasformare vecchi campi magnetici, relativamente debole, in forze potenti trovato con gli strumenti odierni.

READ  Un meteorite delle dimensioni di uno stadio potrebbe aver colpito la Terra

I dati di Sofia erano stati utilizzati in precedenza anche per questo tipo di indagine, che tuttavia lasciava aperte diverse questioniazione attiva dei buchi neri sui campi magnetici. In caso di Centauro A, gli astronomi hanno ipotizzato che il suo un buco nero supermassiccio può aggiungere pasticcio extra al campo magnetico già distorto; tra le altre cose, i campi accanto a questi sfuggenti oggetti celesti sono particolarmente complesso e possono esercitare la loro influenza sulla materia che scorre nei buchi neri, anche in altre galassie.

Ulteriori informazioni possono essere fornite quando il tanto atteso finalmente avrà effetto Telescopio Webb. Nel frattempo, lo studio di Astronomia della natura conferma il ruolo di fusioni galattiche e il loro campi magnetici potenziati pur avendo muffa l’universo antico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *