L’eccesso di energia verde costa Tennet Centinaia di milioni, i cittadini pagano

L’eccesso di energia verde costa Tennet Centinaia di milioni, i cittadini pagano

Tennet gestisce la rete ad alta tensione nei Paesi Bassi. Ciò significa che è responsabile del trasporto di energia dalle centrali elettriche alle reti elettriche regionali, che a loro volta sono gestite da società come Stedin e Liander.

L’energia verde causa problemi

Questa fornitura di energia deve essere costantemente mantenuta in un equilibrio quasi perfetto, il che significa che la stessa quantità di corrente deve fluire dentro e fuori. Se ciò non accade, un filetto può alla fine diventare piatto.

Ma a causa della quantità enormemente aumentata di energia verde, in particolare eolica, c’è semplicemente troppa elettricità che entra nella rete. O, almeno per quanto problematico, appare nel posto sbagliato in rete.

Quando c’è molto vento, nel nord del Paese viene prodotta molta elettricità a basso costo, cita ad esempio Jan Vorrink, capo del centro di controllo di Tennet. Ma di solito non è lì che viene consumata tutta quell’energia. Se tutto questo deve essere trasportato agli utenti finali nel sud o nell’ovest del paese, i cavi dell’alta tensione a volte non possono supportarlo.

E poi Tennet è bloccato con le pere fritte, perché alla fine l’elettricità deve raggiungere quelle famiglie e quelle fabbriche.

Spegnere e riaccendere

In questo caso Tennet deve fare due cose: nel nord del Paese si deve trovare una centrale elettrica, o eventualmente un parco eolico, pronta a fermare o ridurre la produzione a pagamento. “E l’energia è stata acquistata da qualcuno più a sud dei Paesi Bassi. Quindi dobbiamo trovare una centrale elettrica che funzioni. Sono tutte più costose”, afferma Vorrink.

Tennet utilizza quindi un sistema di offerte per chiedere quale centrale elettrica a quale prezzo può produrre l’elettricità extra a brevissimo termine vicino a dove è necessaria l’elettricità. E Tennet deve pagare per questo. Più spesso questo accade, più soldi l’azienda pubblica deve spendere per questo.

READ  Grande panificio fallito a causa degli alti prezzi dell'energia, 48 dipendenti per strada

340 milioni di euro

Sfortunatamente, questo problema sta diventando sempre più frequente. In passato un periodo del genere a volte durava poche ore, ora si tratta regolarmente di quattordici ore al giorno, chiarisce Vorrink. I costi aggiuntivi sostenuti da Tennet per la chiusura di una centrale e il riavvio di una più costosa sono ammontati lo scorso anno a quasi 340 milioni di euro.

Questi costi sono “socializzati”, come si dice in gergo. Quindi tutti pagano il prezzo. Ciò si riflette sui costi di rete sulla bolletta dell’elettricità. Un anno prima era solo 78 milioni di euro, negli anni precedenti ancora meno.

Il lavoro crea ancora più problemi

Per garantire che in futuro saranno necessarie molte meno di queste costose operazioni, Tennet sta investendo miliardi per raddoppiare le reti in tutto il paese, in modo da poter trasportare più energia. Questo è un bene per il futuro, ma a breve termine causerà ancora più problemi.

Il lavoro dovrebbe svolgersi durante il giorno, quando la richiesta di energia è elevata, poiché è troppo pericoloso al buio. E durante il lavoro, non è possibile forzare la corrente attraverso i cavi.

Per queste attività programmate, il gestore della rete può concordare preventivamente con le centrali di non fornire energia elettrica, ma deve anche essere compensato lo svantaggio che ne deriva.

Almeno altri dieci anni

Vorrink prevede che ci vorranno almeno altri dieci anni prima che tutti i piani per aumentare la capacità della rete ad alta tensione vengano realizzati e potrebbe richiedere più tempo. Fino a quando la rete non sarà in ordine, Tennet dovrà affrontare elevati costi di congestione, che alla fine dovranno essere sostenuti da tutti gli olandesi.

READ  Il Festival della Liberazione di Groningen ha ricevuto un centinaio di e-mail minacciose: "Una banda di fascisti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *