L’economia russa può far fronte a una simile guerra con l’Ucraina?

Su richiesta della Banca centrale europea (BCE), le banche europee hanno indicato l’entità dei loro interessi in Russia, e quindi cosa è in gioco e cosa potrebbe eventualmente andare perso. ING stima questo rischio in circa 4,9 miliardi di euro, Rabobank lo stima in diverse decine di milioni. Solo ABN Amro dice che non c’è niente da perdere.

Secondo gli ultimi dati della BRI, il Banca dei Regolamenti Internazionali, le banche olandesi hanno 1,5 miliardi di dollari in circolazione con residenti russi. Per le banche tedesche e francesi i crediti sono significativamente più elevati, rispettivamente a 7,4 miliardi e 8,7 miliardi di dollari. Le banche britanniche affrontano il rischio più alto con 13,6 miliardi di dollari, le banche statunitensi le meno con appena 366 milioni di dollari. La moderazione finanziaria della Russia costa poco agli Stati Uniti in questo senso.

russi e cinesi

Bypassare la chiusura finanziaria è difficile, ma non impossibile. Le banche sono supervisionate dalle banche centrali e tutti i movimenti possono essere monitorati tramite Swift, e gli Stati Uniti in particolare sono favorevoli a un rigoroso blocco finanziario. Facendo affari segretamente con la Russia, le banche rischiano multe e sanzioni dagli Stati Uniti.

Russia e Cina stanno lavorando al proprio sistema Swift alternativo dal 2015, i russi per precauzione dall’invasione della Crimea e i cinesi per sanzioni finanziarie per gli scontri intorno a Taiwan. Il sistema SPFS russo ora organizza il 20% dei pagamenti nazionali. La rete è ora limitata a paesi come Bielorussia, Kazakistan, Turchia e Iran, oltre a poche decine di banche, comprese le banche in Germania e Svizzera. Tutti insieme ancora del tutto insufficienti per sostituire Swift.

READ  Numeri deludenti per Snapchat a causa del minor numero di inserzionisti | Tecnologia

Russia e Cina stanno valutando se i due sistemi possano essere collegati, in modo che in caso di sanzioni internazionali i due possano continuare a commerciare tra loro, fuori dalla vista degli Stati Uniti. Le sanzioni contro la Russia in caso di invasione dell’Ucraina potrebbero persino accelerare la cooperazione tra russi e cinesi, sospetta Boonstra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.