l’email che terrorizza tutti

Al giorno d’oggi molti italiani ricevono una mail dall’Agenzia delle Entrate che crea non pochi guai

(Pixabay)

Ricevi una comunicazione daAgenzia delle Entrate spaventa tutti gli italiani, a prescindere dal contenuto del messaggio stesso. Questo accade perché, generalmente, il posta o pec dell’Agenzia delle Entrate non contiene affatto buone notizie.

Ed è proprio a danno del fisco e degli italiani che alcuni criminali informatici ne hanno trovato uno frode molto singolare che fa cadere nella sua trappola molte vittime. Vediamo di cosa tratta questa nuova truffa.

Truffa Agenzia delle Entrate: come riconoscerla

E-mail
(Pixabay)

La nuova truffa messa in atto da criminali informatici informati è un tentativo di Phishing che passa attraverso la casella PEC degli italiani. Sotto il nome di Agenzia delle Entrate, i criminali informatici ingannano gli utenti in scarica allegati dannosi contenuto in un’e-mail creata per contrassegnare la loro truffa.

Leggi anche: Gratta e vinci, un’altra mossa milionaria! Sempre con questo post…

Il file allegato da scaricare è a PDF il cui nome è una sequenza di numeri e un file di testo rinominato “infoProtocollo.txt”. Non appena apri il PDF, se ne liberano malware pericoloso, in grado di rubare tutto ioinformazioni personali. Infatti, per accedere al file, il business digitale persone infelici. Lo scopo della truffa, ovviamente, è quello di poter accedere al conto bancario online della vittima per rubare più soldi possibile.

Leggi anche: TNT gratis per chi ha questa età: la novità

Riconoscere questa truffa è abbastanza facile: basta davvero controlla l’indirizzo da cui è stato comunicato che, se si tratta di un falso, è diverso da quello solitamente utilizzato dall’Agenzia delle Entrate. L’indirizzo ufficiale infatti è solitamente “[email protected]” oppure “[email protected]”.

READ  AstraZeneca in Lombardia ok per i solleciti, Pfizer o Moderna per la prima dose - Corriere.it

L’indirizzo email falsa si riconosce invece dal mancano due lettere, “gt”: “[email protected]”. Il consiglio che possiamo dare è di non aprire mai file allegati alle e-mail senza prima aver verificato che l’indirizzo del mittente sia quello ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *