Negli Stati Uniti, omicron sta crescendo molto più velocemente del previsto

Negli Stati Uniti, la variante dell’omicron ha iniziato a diffondersi più velocemente di quanto previsto dalle autorità sanitarie nelle ultime settimane. Secondo le ultime rilevamento Condotte dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), le infezioni da omicroni hanno rappresentato il 73% dei nuovi casi positivi nella settimana terminata il 18 dicembre, rispetto al 13% della settimana precedente.

La velocità di diffusione della variante ha superato di gran lunga le previsioni degli esperti, che avevano ipotizzato alla fine della scorsa settimana che sarebbero potute passare diverse settimane prima omicron divenne dominante nei nuovi casi positivi.

Un funzionario del governo aveva apprezzato che ciò potrebbe avvenire entro un mese, quindi con ritardi maggiori rispetto a quanto ora emerso dalla nuova inchiesta.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato le persone a mantenere buone pratiche, come indossare le mascherine, per ridurre il rischio di contagio, aggiungendo che: “Se sei un adulto che ha scelto di non essere vaccinato, hai un inverno davanti a te. estremamente difficile per la tua famiglia e la tua comunità. “

Sulla base dei dati raccolti finora in altre parti del mondo e dei test di laboratorio, i vaccini sembrano essere meno efficaci contro gli omicroni rispetto ad altre varianti, ma con una dose di richiamo dopo che il primo ciclo è terminato, sembra che buoni livelli di protezione siano forme ancora gravi di COVID-19. La ricerca è ancora in corso.

READ  Le confessioni dell'ex baby Napoli sulla vicenda Osimhen scatenano la bufera sul web

Il primo caso di omicron negli Stati Uniti è stato rilevato il 1 dicembre in California, ma è probabile che la nuova variante sia in circolazione da tempo in alcune parti del Paese. Da allora è stato rilevato in quasi tutti gli stati, un altro segno della sua rapida diffusione.

Alcuni governatori e amministrazioni cittadine hanno reintrodotto l’obbligo di indossare la mascherina al chiuso nei luoghi pubblici, mentre nelle prossime ore è previsto che Biden fornire nuove indicazioni su possibili limitazioni nel tentativo di rallentare i nuovi contagi. Per ora, tuttavia, il governo degli Stati Uniti è stato riluttante a introdurre ulteriori restrizioni, come è avvenuto in alcune parti d’Europa dove la variante dell’omicron sta iniziando a essere dominante in diversi paesi.

A livello locale, i governi municipali degli Stati Uniti sono rimasti cauti nell’introdurre nuove restrizioni per ora. Il sindaco di New York Bill de Blasio Egli ha detto che è necessario “andare in fretta” per evitare una nuova ondata, ma ha anche escluso per il momento la possibilità di nuove restrizioni generalizzate per i vaccinati e non vaccinati “che avrebbero un impatto terribile sulla popolazione della città”. Nello stato di New York, il numero di casi è aumentato di circa l’80% nelle ultime due settimane.

Dall’inizio di dicembre si sono moltiplicati i nuovi casi positivi negli Stati Uniti con un’incidenza giornaliera di circa 40 contagi ogni 100.000 abitanti, un dato simile a quello dell’Italia.

Restano invece relativamente stabili i ricoveri e i decessi, anche se da giorni è segnalata la possibilità di un peggioramento con l’arrivo delle vacanze di Natale, che spingerà molte persone a viaggiare e aumenterà le occasioni di relax. al chiuso, dove il rischio di contagio è maggiore.

READ  Coronavirus Toscana 30 settembre, 120 nuovi contagi in un giorno su oltre 7.000 campioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *