L’indice Rt e il calo dell’incidenza: ecco il nuovo rapporto ISS. Ciciliano (Cts): “Una clamorosa diminuzione dei casi gravi tra i vaccinati”

Il situazione epidemiologica è anche meglio. il sorveglianza ISS e Ministero della Salute, in esame da parte del sala di controllo, certifica la discesa diIndice Rt eimpatto. Il primo cade a 0.86 da 0,89 di sette giorni fa, mentre l’incidenza settimanale scende da 123 casi per 100.000 abitanti a 103. Il numero di regioni e province autonome che hanno a tasso di occupazione in terapia intensiva e / o in area medica al di sopra della soglia critica: si tratta di 3 Regioni – Lombardia e Toscana sono al di sopra della soglia del 30% per intensivo mentre il Calabria supera la soglia del 40% per i servizi medici – contro i cinque della settimana precedente. Il tasso nazionale di occupazione intensiva è sotto la soglia critica (23%), con una diminuzione del numero delle persone ricoverate da 2.423 il 4 maggio al 2056 l’11.

Nessuna regione è classificata come alto rischio per la terza settimana consecutiva, mentre solo 4 regioni del Paese hanno una classificazione di rischio moderata: si tratta di Calabria, Lombardia, Toscana e Umbria (nessuna con alta probabilità di progressione ad alto rischio nelle prossime settimane) mentre altre regioni e province hanno una classificazione a basso rischio. Due regioni (Molise 1.08 e Umbria 1.03) hanno un punto Rt maggiore di uno, ma con il limite inferiore sotto a.

L’analisi dei dati dovrebbe evidenziare in giallo tutta l’Italia con la sola eccezione di Valle d’Aosta, situato a arancia. E non solo: sulla base di dati certificati dall’Istituto Superiore di Sanità, il governo è destinato a unirsi per anticipare, come richiesto da quasi tutte le forze di maggioranza, alcuni riaprono e posticipano l’orario di coprifuoco. Dopo Franco Locatelli nei giorni scorsi, in un’intervista a Il Messaggero anche un altro membro della CTS, Fabio Ciciliano, si è detto favorevole all’allentamento: “Dobbiamo valutare l’impatto sul numero di riapertura il 26 aprile. Siamo dentro giorni decisivi e stiamo assistendo a una significativa diminuzione dei nuovi casi e dei ricoveri. Questo – sottolinea – è legato a campagna di vaccinazione non c’era l’anno scorso “.

READ  La congiunzione di Giove e Saturno vista dall'osservatorio di Gadar a Cervarezza

“Qualcuno – osserva Ciciliano – vuole confrontare questo periodo con lo stesso periodo del 2020, dove si sono verificati molti meno casi. Sì, è vero, ma arrivavamo da 2 mesi lockdwon molto difficile che non abbiamo avuto quest’anno. Anche oggi abbiamo già una parte della popolazione protetto vaccino. Detto questo, la scorsa settimana la media giornaliera era inferiore a 10.000: per ritrovarla nel passato bisogna tornare a metà ottobre ”. Grazie alle vaccinazioni, evidenzia il medico scelto in commissione da Protezione Civile, “Ne abbiamo trovato uno diminuzione sensazionale di Dio casi gravi e ricoveri per anziani e operatori sanitari. I vaccini funzionano e funzionano molto bene ”.

Quanto al coprifuoco, per Ciciliano “il ragionamento da fare adesso è politico”. Se l’obiettivo è andare alle riaperture e soprattutto alla ripresa turismo, “Non c’è dubbio che il coprifuoco alleggerito o cancellato. “Ecco perché” Se anche i numeri nel nuovo rapporto sono positivi, penso che possiamo ripensare alla durata del coprifuoco fino a quando non verrà revocato. Lo stesso vale per la ripresa degli affari ristoranti all’interno, tenendo sempre presente che tutto ciò che accade all’interno è molto più critico dal punto di vista epidemiologico ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *