L’inflazione in Turchia continua a salire: i prezzi sono più alti dell’85% rispetto all’anno precedente |  Economia

L’inflazione in Turchia continua a salire: i prezzi sono più alti dell’85% rispetto all’anno precedente | Economia

I prodotti ei servizi sono stati in media più costosi dell’85,5% in Turchia il mese scorso rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo i dati diffusi dall’ufficio statistico. Turkstat rilasciato giovedì. Trasporti, cibo e mobili in particolare sono diventati più costosi.

La Turchia sta affrontando un’inflazione molto alta da quasi un anno. Sembra anche peggiorare. All’inizio dell’anno i prezzi erano ancora di circa il 50% più alti rispetto all’anno precedente. Questa percentuale è ormai sopra 80 da diversi mesi.

Molti credono che ciò sia in parte dovuto all’insolita politica dei tassi di interesse del governo turco. In Turchia, i tassi di interesse continuano a scendere, mentre la teoria economica prevalente è che quando i prezzi salgono, in realtà si alzano i tassi di interesse.

Tassi di interesse più elevati rendono il risparmio più interessante, quindi i consumatori spendono meno. Inoltre, rende meno attraente per le imprese e le famiglie prendere in prestito denaro, il che significa anche meno spese. Di conseguenza, la domanda di beni e servizi diminuisce e i loro prezzi diminuiscono.

La banca centrale turca, sotto l’occhio vigile del presidente Recep Tayyip Erdogan, la pensa diversamente. Dopo diversi tagli precedenti dei tassi, i tassi di interesse sono risaliti in ottobre fuori uso. Per inciso, anche l’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia gioca un ruolo importante nell’elevata inflazione del paese.

READ  La Francia ha nuovamente avvertito dell'elevato debito pubblico | Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *