L’inquieto super vulcano Campi Flegrei: “Lo vediamo in tutto il mondo quando erutta”

L’inquieto super vulcano Campi Flegrei: “Lo vediamo in tutto il mondo quando erutta”

“Si trova a circa 15 chilometri dal Vesuvio, ma è molto più grande. La sua impronta è di circa 12 chilometri”, afferma il vulcanologo Rob Govers in NOS con un occhio al domani. “Non è costituito da un grande cratere, ma da 40 crateri più piccoli”.

Minaccioso

I Campi Flegrei sono stati giustamente nominati un super vulcano, afferma Govers. “È uno dei pochi vulcani che può essere davvero pericoloso. Può sputare grandi quantità di cenere e lava”, spiega. 40.000 anni fa, il supervulcano vomitò così tanta cenere che nuvole di cenere aleggiarono intorno alla terra per anni. “Se qualcosa del genere dovesse accadere di nuovo, sarebbe molto rilevante”.

Eruzione

“È molto esplosivo. Quando erutta, lo vedi in tutto il mondo. Il suo potere esplosivo è molto più alto del Krakatoa, che è stata una grande e famosa eruzione vulcanica.” Questi tipi di eruzioni cutanee sono estremamente rari, afferma Govers. Ma potrebbe esserci qualcosa che sta succedendo all’interno del supervulcano. “Gli osservatori italiani hanno ricevuto tutti i tipi di segnali che indicano che qualcosa potrebbe accadere. Ma la più grande possibilità è che se scoppia, sarà un’eruzione relativamente piccola. È successo in passato”.

Non è del tutto chiaro se erutterà e quando erutteranno i Campi Flegrei. È molto difficile da dire, dice Grovers. “Nella maggior parte dei vulcani inizia con più terremoti. Quindi il gas inizia a salire in modo significativo, che è attentamente monitorato dai colleghi italiani. Nella maggior parte dei casi va bene, ma può anche essere molto brutto. Nella loro ultima pubblicazione, i colleghi scrivono che è possibile che ora questo possa essere fatto in una volta sola.”

READ  Il pilota russo Daniil Kviat correrà alla Lamborghini sotto bandiera italiana | Formula 1

intorno al vulcano

Iris de Brouwer vive con il marito italiano appena fuori dalla città di Pozzuoli, in cima all’area vulcanica, e lì organizza anche visite turistiche. “L’aria sulfurea è regolarmente presente qui”, precisa. “Prima visitavamo solo il cratere della Solfatara e i fumi di zolfo. Questo non è più possibile. Qui è zona gialla dal 2012, quindi la vigilanza è leggermente aumentata. Negli ultimi anni la crosta terrestre si è un po’ sollevata. , nel porto di Pozzuoli si vede che le banchine sporgono molto sul mare, prima non era così.”

De Brouwer è un po’ preoccupata per il vulcano, ma gli italiani intorno a lei non hanno paura. “Hanno convissuto con esso per tutta la vita. Inoltre, non è più intenso che negli anni ’80. Quando anche intere parti sono state evacuate qui, non è più così. Vivi semplicemente in un posto in movimento. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *