L’Irlanda è il primo paese dell’Unione europea a imporre un nuovo blocco

Il governo irlandese l’ha fatto anno Domini un nuovo blocco per contenere l’epidemia di coronavirus. Inizierà a mezzanotte di mercoledì 21 ottobre e durerà sei settimane. Il Paese è il primo nell’Unione Europea a decidere di imporre una nuova chiusura totale: lunedì, in Galles, nel Regno Unito, aveva introdotto Blocco di 17 giorni da venerdì 23 ottobre al 9 novembre.

Il premier ha spiegato che le nuove restrizioni sono attualmente probabilmente le più severe in Europa, ma che, visto l’aumento dei contagi, sono anche necessarie: lo sforzo nelle prossime sei settimane, ha detto. ha detto, potrebbe fornire l’opportunità di “Celebrare il Natale in modo significativo”. La decisione del governo è arrivata dopo che il team nazionale per le emergenze di sanità pubblica (che fornisce consigli e indicazioni sull’epidemia) ha inviato una lettera al ministro della Salute dicendo che un periodo di sei settimane era il minimo necessario per portare il numero di nuovi casi giornalieri a un livello accettabile per il sistema sanitario. La nuova serratura, è specificata in comunicato stampa il governo, inoltre, mira a sostenere le famiglie mantenendo le scuole e gli asili nido aperti, proteggendo i servizi sanitari non COVID-19 e proteggendo i più vulnerabili.

– Leggi anche: Italia e COVID-19 ‘scenario 3’

Micheál Martin ha chiesto a tutti di restare a casa. Saranno autorizzati trasferimenti per la spesa, per recarsi in farmacia, per motivi familiari vitali, come l’assistenza ai bambini, agli anziani o alle persone vulnerabili. Ha detto che dovranno chiudere musei, biblioteche, tutte le attività commerciali al dettaglio non essenziali, compresi bar e ristoranti, mentre i servizi di consegna a domicilio e di asporto rimarranno attivi.

READ  Coronavirus Campania, 200 anni di matrimonio: scoppia un'epidemia nella regione napoletana - Cronaca

Solo i lavoratori essenziali saranno “autorizzati a lavorare” e ai cittadini sarà consentito praticare sport solo entro cinque chilometri dalla loro residenza. Martin ha affermato che le scuole e gli asili nido sono attività essenziali e devono quindi rimanere aperte “perché non possiamo e non permetteremo che il futuro dei nostri bambini e giovani sia ulteriori vittime di questa malattia”. Le messe si terranno online, un massimo di 25 persone potranno partecipare a matrimoni e 10 funerali.

Verrà inoltre esteso il divieto di visite tra famiglie diverse e di eventi indoor, anche se due famiglie potranno incontrarsi in luoghi all’aperto come i parchi e comunque entro il limite di cinque chilometri. “Capisco che l’isolamento sociale e l’ansia sono un problema molto reale per molte persone e soprattutto per coloro che vivono da soli”, ha detto Martin, quindi le persone che vivono in questa situazione potranno avere un altro famiglia come sostegno. che possono visitare o da cui possono ricevere visite.

– Leggi anche: Il problema del trasporto pubblico durante una pandemia

Il governo ha affermato che “ci sarà una sanzione” per coloro che violeranno le restrizioni sui cinque chilometri e che il trasporto pubblico opererà al 25 per cento della capacità per essere disponibile solo per lavoratori e studenti. A differenza del precedente blocco concordato a marzo, gli sport a livello professionale saranno consentiti a porte chiuse in tutto il paese. Il governo ha infine deciso di sospendere gli sfratti e di estendere i sussidi di disoccupazione legati alla pandemia.

In Irlanda, come in altri paesi dell’Unione Europea, lo scorso marzo è stato imposto un lungo blocco per controllare la diffusione del contagio. Dall’inizio dell’epidemia, in Irlanda, un paese di quasi 5 milioni di abitanti, I. morto erano 1.852. A lunedì sono stati 1.031 i nuovi casi confermati di contagio, per un totale di oltre 50.000 casi dall’inizio della pandemia.

READ  la via tra le regole e gli spettacoli ai tempi del Covid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *