L’Italia afferma di non poter approvare il trattato ESM senza un accordo sulle nuove regole fiscali dell’UE

L’Italia afferma di non poter approvare il trattato ESM senza un accordo sulle nuove regole fiscali dell’UE

L’Italia non è pronta ad approvare la riforma del fondo di salvataggio della zona euro senza prima sapere come cambieranno le regole fiscali europee, ha detto venerdì il primo ministro Giorgia Meloni.

La sua osservazione dà il tono a un confronto tra il governo di destra a Roma ei suoi partner nell’Unione europea, a cominciare dal falco della disciplina fiscale della Germania.

L’Italia è l’unico Paese a ritardare l’adozione del trattato che rivede e rafforza il cosiddetto Meccanismo europeo di stabilità (MES).

Inoltre, Roma sta spingendo per una maggiore flessibilità nel modo in cui gli investimenti vengono contabilizzati in base alle nuove regole fiscali in fase di elaborazione per il blocco.

“Non ha senso ratificare il trattato Mes se non sai cosa significano le nuove regole del Patto di stabilità e crescita”, ha detto Meloni a un evento nel sud Italia.

Creato nel 2012, l’ESM può fornire un’ancora di salvezza ai governi della zona euro tagliati fuori dai mercati, o fornire prestiti per ricapitalizzare le banche e fornire credito precauzionale. In cambio, richiede normalmente al paese interessato di attuare programmi di austerità o di riforma finanziaria.

Il fondo è stato riformato con un trattato del 2021 che non potrà entrare in vigore finché tutti i membri della zona euro non lo avranno ratificato, e l’Italia è l’ultima a non averlo ratificato.

Prima di prendere il potere lo scorso ottobre, la Meloni aveva spesso criticato la riforma del Mes, temendo che aumentasse il rischio di una ristrutturazione dell’ingente debito pubblico di Roma.

Venerdì, il primo ministro italiano ha affermato che chiedere aiuto al Mes comporta uno “stigma” per i richiedenti, aggiungendo che il fondo deve quindi essere riformato e diventare uno strumento in grado di stimolare la crescita delle economie europee.

READ  "Rendi tutti felici...": Il siluro di Letta è pronto

“Il Mes minaccia di congelare le risorse in un momento in cui tutti cerchiamo risorse per sostenere la crescita. (Anche se l’Italia ratificasse la riforma) non verrebbe utilizzato da nessuno”, ha affermato.

La Meloni si è anche detta “poco convinta” delle proposte della Commissione europea per riformare le regole fiscali Ue.

Bruxelles ha proposto ad aprile che i governi garantiscano che il debito pubblico diminuisca di un importo concordato individualmente nell’arco di quattro anni e poi rimanga su una traiettoria discendente per un decennio.

I governi potrebbero avere più tempo per ridurre il debito e il deficit, diciamo in sette anni, se attuano riforme che aumentano la sostenibilità fiscale, stimolano la crescita o investono in aree che sono priorità dell’UE, come la transizione verso un ambiente verde e digitale. l’economia, i diritti sociali o la sicurezza e la difesa.

I funzionari hanno precedentemente affermato che l’Italia potrebbe effettuare un aggiustamento fiscale annuo dello 0,85% del prodotto interno lordo (PIL) in quattro anni o, in alternativa, dello 0,45% in sette anni, per conformarsi alle proposte della Commissione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *