“Lo slancio della guerra in Ucraina è ancora con Zelensky”

“Lo slancio della guerra in Ucraina è ancora con Zelensky”

Internazionale7 luglio 22 13:58AutoreEditori Web BNR

A livello strategico, l’impulso alla guerra in Ucraina è ancora con il presidente Zelensky. Questa è l’opinione di Frans Osinga, un professore appositamente nominato di studi sulla guerra. Gli sviluppi delle ultime settimane, come il primo passo verso l’adesione all’Ue, l’allargamento della Nato e il continuo sostegno del G7 e soprattutto di Francia, Germania e Italia, sono tutti “segni vegetali di come la Russia si sta comportando politicamente e strategicamente”.

La bandiera ucraina sventola di nuovo sulla combattuta Snake Island.
La bandiera ucraina sventola di nuovo sulla combattuta Snake Island. ANP / Associated Press

Osinga riconosce che l’impulso tattico nella guerra è stato con la Russia negli ultimi giorni. Ad esempio, la Russia ha preso l’intera provincia di Luhansk, uno dei principali obiettivi della cosiddetta “operazione militare speciale”. Quest’altro obiettivo, prendere la vicina provincia di Donetsk, promette di essere un grande lavoro per la Russia. Questa provincia è ancora per il 45% nelle mani dell’Ucraina.

Leggi anche | “Nessuna pausa operativa per i russi in Ucraina”

È chiaro, secondo Osinga, che la Russia sta soffrendo per le pesanti perdite cadute sul campo di battaglia. Ad esempio, ci sono rapporti secondo cui il paese vuole inviare unità artiche in Ucraina.

I media finlandesi avevano precedentemente riferito che 800 soldati russi avevano lasciato la base di Alakurtti nell’estremo nord, al confine con la Finlandia da metà maggio. Era l’ultima base russa nella regione occidentale che non aveva ancora inviato un battaglione in Ucraina.

Cherson

Nel sud del Paese, secondo Osinga, l’esercito ucraino sta infatti riscuotendo successo a livello operativo. Lì l’esercito lanciò un’offensiva di riconquista verso Kherson. Grazie all’arrivo dell’equipaggiamento occidentale, l’Ucraina è in grado di distruggere grandi depositi di munizioni, depositi, caserme e quartier generali russi con missili a lungo raggio. Secondo lui, l’Ucraina sta cercando di minare la sua sostenibilità a lungo termine.

READ  Indice Rt maggiore di 1 in 5 regioni

Leggi anche | Come la Russia sta preparando la sua economia per una lunga guerra

Man mano che più sistemi d’arma a lungo raggio entreranno nel paese, l’Ucraina avrà finalmente la capacità di attaccare la Russia in profondità, secondo il professore dotato. Questo è stato finora uno dei principali punti deboli della difesa ucraina. Osinga sottolinea che questo è fondamentale anche per il sostegno occidentale. “Finché Zelensky può mostrare successo, anche il supporto occidentale è più probabile”.

Se la Russia sembra vincere, Osinga dice che potrebbe esserci una revisione nelle capitali europee come Berlino o Parigi. “Per Zelensky, è importante ora in questa fase convincerci del lustro; non è il momento di parlare di concessioni. Ora è il momento di deporre le braccia e continuare a combattere.

Segui gli ultimi sviluppi sulla guerra in Ucraina tramite il nostro blog live

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *