L’organizzatore di MWC Telecom Show multato da AVG per aver utilizzato il riconoscimento facciale – Professionista IT – Notizie

L’organizzazione dietro la fiera delle telecomunicazioni Mobile World Congress è stata multata di 200.000 euro dal GDPR per aver utilizzato il riconoscimento facciale nel 2021. L’autorità spagnola per la privacy ritiene che la valutazione dell’impatto sulla protezione dei dati effettuata sia stata insufficiente.

L’organizzatore GSMA ha utilizzato per la prima volta il software di riconoscimento facciale Breezz nel 2021 per verificare l’identità dei visitatori. L’uso di Breezz era facoltativo per i visitatori; potrebbero anche scegliere di mostrare la loro carta d’identità al personale MWC. Per utilizzare il riconoscimento facciale, la GSMA ha effettuato una valutazione dell’impatto sulla protezione dei dati richiesta dal GDPR per identificare i rischi e la necessità.

TechCrunch scrive questa valutazione secondo l’autorità spagnola per la privacy AEPD era insufficiente. Non ci sarebbero state ricerche sufficienti sulla necessità e proporzionalità del riconoscimento facciale, né i rischi per la sicurezza sarebbero stati sufficientemente mappati. L’organizzazione può ancora impugnare la multa. Breezz è stato utilizzato da 7.585 visitatori su 17.462, secondo GSMA. Gli altri hanno quindi optato per il controllo manuale dei documenti di identità. C’era anche una versione virtuale senza controlli di identità.

Il presidente del MWC Anastasia Dedyukhina ha presentato un reclamo all’autorità spagnola per la privacy, scrive su LinkedIn. L’oratrice di Digital Wellbeing non era soddisfatta della situazione della GSMA, poiché ha dovuto caricare il suo ID, anche se non voleva usare Breezz. Dedyukhina ha scelto di partecipare virtualmente alla fiera. La GSMA ha continuato a utilizzare il riconoscimento facciale o i controlli manuali dell’identità nelle ultime due edizioni di MWC. Non è chiaro se la GSMA voglia smettere di usare Breezz o migliorare il suo rating.

READ  Errore nel vaccino a Empoli: Astrazeneca e dosi non moderne negli anni Trenta - Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *