L’Università Erasmus aiuta gli studenti a rimanere mentalmente sani durante la settimana del benessere

L’Università Erasmus aiuta gli studenti a rimanere mentalmente sani durante la settimana del benessere

Gestione del denaro più intelligente, auto-compassione, gestione della procrastinazione; questa è solo una selezione dei workshop che l’Università Erasmus di Rotterdam (EUR) offre questa settimana durante la Wellness Week. Un evento che l’ateneo organizza più volte all’anno per informare gli studenti sulla salute mentale.

Un workshop che sta suscitando molto interesse è la scrittura di diari. Nel laboratorio, gli studenti imparano a scrivere le cose ea riflettere su pensieri e sentimenti con il testo. “Può essere molto utile per la tua salute mentale”, afferma Yashira, che guida il seminario.

Nonostante l’interesse, sembra esserci un po’ di tabù nel cercare aiuto per problemi mentali. “Ci vuole coraggio per venire qui”, dice la partecipante Lindsay. “Quando vai qui, c’è un po’ di un’immagine di, Oh, sei così fragile che devi entrare in qualcosa del genere?”

Per i partecipanti maschi Mathijs e Ishan, questo è un vero ostacolo alla partecipazione ai workshop. “Penso che gli uomini spesso trovino più difficile esprimere le proprie emozioni. Quindi ci sono più donne che uomini in questo seminario”, spiega Mathijs. Ma Ishan è comunque positivo riguardo al seminario: “Come uomo, davvero non vedere qualsiasi aspetto negativo di un simile seminario, penso che dovremmo essere più aperti e che ci sia molto da guadagnare per gli uomini di un simile seminario.

Vari eventi
L’immagine prevalente della ricerca di aiuto per problemi mentali è il motivo per cui l’Università è più visibile con eventi come questo. “Oltre alla Settimana del benessere, facciamo anche molte cose strutturali in quest’area, ma spesso questo è meno visibile agli studenti”, afferma Robin Eijlers, Project Manager per il benessere degli studenti all’università.

READ  Apice di freddo, a volte neve in pianura. Situazione e previsioni «3B Meteo

Un buon esempio di iniziativa strutturale è l’apertura di “The Livingroom”. Uno spazio permanente del campus, a cui non è ufficialmente consentito studiare, ma che può essere utilizzato solo per rilassarsi, riunirsi e giocare. “In questa stanza ci sono consulenti qualificati che possono parlare di problemi mentali o che possono sollevarli e che possono indirizzare gli studenti a un aiuto più specializzato”, afferma Robin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *