Maarten van Rossem continua il suo programma televisivo dopo la morte della sorella | Stelle

“Vorremmo continuare con quello”, ha detto Van Rossem. “Anche il produttore. Le date sono programmate, il budget c’è. Il primo episodio era appena andato in onda. La volontà c’è, e credo anche nelle autorità. Ma sai come funziona la consulenza a Hilversum. Dire che questo è un processo speciale è un eufemismo. Abbiamo dovuto aspettare più di 2,5 anni per prendere la decisione di fare il programma. La forma del programma dovrebbe essere leggermente modificata, concorda Maarten. “Se continuiamo nella stessa forma, la gente dirà sicuramente: che peccato che la Sis non sia più con noi. E giustamente.

Il piano ora è fare qualcosa di diverso con le vernici. “Era l’unica volta che litigavamo a volte”, ha detto Van Rossem al presentatore Özcan Akyol. “Mia sorella era una storica dell’arte. È stata quindi influenzata dalle idee sbagliate che esistono nella storia dell’arte su cosa sono i bei dipinti e cosa non lo sono. Gli storici dell’arte non conoscono i bei dipinti, conoscono solo i dipinti interessanti. Van Rossem chiama questo punto di vista uno spettacolo di marionette.

Nella sincera conversazione, lo storico ha definito l’influenza della morte di sua sorella un “capannone”. È un po’ come guardare un ciclista cadere e scivolare su una lunga strada. Sembra orribile e fa molto male. Ma dopo quasi sempre risalgono in sella: ci mettono una benda intorno e continuano”.

READ  Queste celebrità stanno prendendo parte alla nuova stagione The Perfect Shot | Affiggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.